Politica

Sicilia, intesa Renzi – Crocetta: governatore abdica e sosterrà Micari

“Il mio è un atto di amore: non sono uno sfascista”.

Rosario Crocetta ritira la sua ricandidatura alla guida della Sicilia. Incontra Matteo Renzi al Nazareno e sigla l’intesa sul nome di Fabrizio Micari: il rettore di Palermo sarà il candidato del centrosinistra, sostenuto dal Pd, che domani ufficializzerà il suo via libera, da Leoluca Orlando, dal movimento di Crocetta e da Ap (anche se gli alfaniani devono ancora dare l’ok definitivo).

Ma la sinistra, come annunciato, si smarca e si compatta attorno al nome di Claudio Fava: l’editore Ottavio Navarra, indicato dal Prc, si ritira per sostenere il candidato di Mdp e SI. Sarà dunque corsa a quattro per Palazzo d’Orleans: Micari e Fava si misureranno con il M5s Giancarlo Cancelleri e con il centrodestra di Nello Musumeci. ”

Lascio con un bilancio positivo la Regione che cresce il doppio dell’Italia. Vado in pensione con 525 euro ma la legge l’ho fatta io e non mi pento. E’ una liberazione…”.

Così si sfoga Crocetta quando varca il portone del Nazareno per incontrare il segretario del Pd.

Dopo una estate di contatti e la vana richiesta di primarie (“ora è troppo tardi“), il governatore uscente si rassegna al passo indietro in nome dell’unità.

“Nei sondaggi ho la stessa percentuale di cinque anni fa, quando poi ho vinto”, si rammarica.

Ma aggiunge: “Non sono uno sfasciatutto. Resto nel Pd, senza odio nè livore”.

Crocetta nega di aver negoziato di candidare un suo uomo in ticket con Micari. Ma nell’incontro con Renzi, presente anche il segretario regionale Dem Fausto Raciti, si raggiunge un’intesa legata anche alle politiche: Crocetta presenterà in Sicilia una lista del suo movimento per il Senato, legata al Pd. E potrebbe così fare ingresso lui stesso a Palazzo Madama.

Intanto, “entro 18 ore”, dopo aver sentito i suoi, il governatore ufficializzerà la presentazione di liste a sostegno di Micari in Sicilia. E domani alle 18 anche la direzione regionale Dem formalizzerà il sostegno alla corsa del rettore. Mentre Ap, solcato da divisioni tra le fila siciliane, non ha ancora sciolto la sua riserva.

Nella difficile sfida con M5s e centrodestra, dati in vantaggio nei sondaggi, i Dem sperano che Giuliano Pisapia ufficializzi il suo sostegno a Micari. Ma l’ex sindaco di Milano per ora non si sbilancia e potrebbe scegliere di tenersi fuori dalla contesa.

Fava, che nel pomeriggio a Roma incontra Roberto Speranza, lancerà la sua candidatura in un evento in programma domenica. Mentre potrebbe essere Renzi, venerdì, a dare di fatto il via alla campagna elettorale del civico Micari da Catania.

“Possiamo vincere, la lista Fava nel 2012 prese il 6%”, assicura il renziano Michele Anzaldi.

E Micari, che aveva chiesto di far presto e ritrovare l’unità del centrosinistra, tira un sospiro di sollievo: ora può partire anche lui con la campagna elettorale. Che vede il grillino Cancelleri in giro per la Sicilia già dagli inizi di agosto. Mentre ha avviato in questi giorni la sua campagna il candidato unitario del centrodestra Musumeci: Giorgia Meloni sarà venerdì con lui a Termini Imerese. La vittoria, affermano dal centrodestra, è più che possibile e potrebbe lanciare la volata verso le politiche.

Micari: “Oggi fatto passo avanti per unità centrosinistra”

“Da giorni parlo di unità e il fatto che ci sia un bel passo avanti mi rende felice. E’ un segnale positivo. Credo che la coalizione di centro sinistra si rafforzi ed è solida”.

Lo dice il rettore di Palermo Fabrizio Micari, commentando il passo indietro del governatore uscente Rosario Crocetta dopo l’incontro con Matteo Renzi a Roma.

Alla domanda come coniugare la richiesta di discontinuità con l’esperienza del governo Crocetta più volte invocata da Leoluca Orlando, big sponsor della candidatura di Micari a presidente della Regione per il centrosinistra, con una presenza di liste riconducibili a Crocetta nella coalizione, Micari ha risposto: “Ho più volte parlato di cambio di marcia, il governo Crocetta ha avuto aspetti positivi e altri che possono essere migliorati. Serve un allargamento con persone nuove e io stesso sono una novità. Su questo si deve andare avanti e su questo serve un’accelerazione e un allargamento. Non ci sono ostracismi o tentativi di allontanare qualcuno. Ora bisogna partire e recuperare“.

Martina: “Candidatura Micari alternativa forte e nuova”

Per il vicesegretario del Pd, Maurizio Martina, la candidatura di Fabrizio Micari in Sicilia e unita al probabile passo indietro di Crocetta rappresenta “una alternativa forte e nuova” contro gli avversari.

“Questo lavoro che stiamo facendo in Sicilia di unità – ha detto Martina a margine della festa dell’Unità a Torino – e ovviamente anche la sensibilità che il presidente Crocetta sta dimostrando in questi passaggi, utili a unire costruendo un’alternativa forte e nuova contro il centrodestra e i cinquestelle, interpretata dalla candidatura di Fabrizio Micari, credo sia un lavoro prezioso”.
 mi-piace

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top