Siculiana, il sindaco: “Nessuna cementificazione a Torre Salsa”

Redazione

Provincia

Siculiana, il sindaco: “Nessuna cementificazione a Torre Salsa”

di Redazione
Pubblicato il Mar 26, 2016
Siculiana, il sindaco: “Nessuna cementificazione a Torre Salsa”

“Non ci sara’ nessuna cementificazione selvaggia a Torre Salsa, ma un investimento privato importante per il territorio che sara’ realizzato nel rispetto dell’ambiente”. Cosi’ il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, intervenendo a proposito delle polemiche relative alla realizzazione di un resort Adler accanto alla riserva naturale regionale di Torre Salsa gestita dal Wwf. Intanto, il primo cittadino ha chiesto al presidente del consiglio comunale Loredana Lucia la convocazione di una seduta straordinaria aperta ai cittadini e alle associazioni ambientaliste per discutere della questione. La seduta consiliare e’ in programma domenica 3 aprile, alle 16.30. “A tutela dell’immagine del territorio e dell’onorabilita’ del Comune che rappresento, alla luce del continuo diffondersi di notizie in gran parte inesatte, mi preme sottolineare – aggiunge il sindaco – che il progetto presentato da Ritempra Spa e’ accanto e non dentro la riserva naturale e che e’ munito di tutti i pareri di legge necessari. Si tratta di una struttura turistico-ricettiva Adler mare Spa&Resorts che, stando al progetto gia’ approvato da tempo, verra’ realizzata in maniera eco-sostenibile e che, per le sue modeste dimensioni, non deturpa il paesaggio e lascia intatti i luoghi dell’area protetta, visto che si tratta di un progetto complessivo di 20 ettari di cui gran parte destinati a verde, ben distante dalla spiaggia, accanto a una riserva naturale di oltre 760 ettari gia’ ampiamente tutelata e che noi per primi vogliamo continuare a proteggere, valorizzare e promuovere come e’ stato fatto in questi anni”.


Dal Web


  • Provincia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Provincia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Provincia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Provincia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361