Sottraeva corrente con un “magnete”, arrestato commerciante di Licata

Sottraeva corrente con un “magnete”, arrestato commerciante di Licata

0
SHARE

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di Licata, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato in flagranza di reato Angelo Giuseppe Bonvissuto, classe 1960, pasticciere licatese, già noto alle Forze dell’Ordine, poiché resosi responsabile del reato di furto aggravato di energia elettrica.

In particolare i militari operanti, con l’ausilio dei tecnici verificatori della società Enel Distribuzione S.P.A. – Ufficio verifiche di Agrigento, effettuavano un’ispezione presso il laboratorio di una nota pasticceria del 56enne commerciante licatese, ubicato nel centro della cittadina, al fine di verificare la corretta erogazione e pagamento dell’energia elettrica.

Nel corso degli accertamenti veniva accertato che il 56enne pasticciere aveva posizionato un “magnete” proprio sopra il contatore dell’energia elettrica, sottraendo fraudolentemente energia elettrica al fine di alimentare la propria pasticceria eludendo i costi dell’erogazione.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY