Spaccio nei quartieri a rischio: arrestati due pusher

Redazione

Catania

Spaccio nei quartieri a rischio: arrestati due pusher

di Redazione
Pubblicato il Nov 5, 2016
Spaccio nei quartieri a rischio: arrestati due pusher

Ieri sera, la Compagnia Carabinieri di Catania Piazza Dante tramite l’impiego di numerose pattuglie del Nucleo Operativo – anche in moto -, ha setacciato palmo a palmo i quartieri di Picanello e San Cristoforo con il principale obiettivo di contrastare lo spaccio al minuto di sostanze stupefacenti. Questi i risultati conseguiti:

Arrestato, nella flagranza, il 20enne catanese Roberto Belardi, pizzicato dai militari tra  Via Timoleone e Via Vezzosi a smerciare droga ad alcuni assuntori. Appena visti i carabinieri intervenuti  il giovane spacciatore è fuggito per Via Vezzosi, gesto comunque reso vano dagli operanti che, dopo una decina di metri, lo hanno bloccato ed ammanettato. Perquisito è stato trovato in possesso di 11 dosi di “marijuana” e di  55 euro in contanti, incassati dalla precedente vendita dello stupefacente.

La droga sequestrata dai carabinieri

La droga sequestrata dai carabinieri

Arrestato, nella flagranza, il 29enne catanese Gianluca Chiesa, inizialmente osservato  all’angolo tra Via Cordai e Via Della Concordia mentre prendeva contatti con i clienti per dopo spostarsi, prelevare le dosi da spacciare e recarsi su Via Barcellona per venderle all’acquirente di turno. L’intervento dei militari  e la contestuale perquisizione ha consentito di rinvenire  5 dosi di “cocaina” e 160  160 euro in contanti,  incassati dalla precedente vendita dello stupefacente.

La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, dove risponderanno al giudice di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, sono stati relegati agli arresti domiciliari.


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361