Sport, ennesimo record per l’agrigentina Parolino

Redazione

Sport

Sport, ennesimo record per l’agrigentina Parolino

di Redazione
Pubblicato il Apr 16, 2018
Sport, ennesimo record per l’agrigentina Parolino

Cannonata di Giusi Parolino che con un vento a oltre 90 km all’ora stabilisce, sabato scorso a Catania il nuovo record siciliano nel lancio del giavellotto, battendo se stessa con uno strepitoso lancio trafitto nel bel mezzo di una potente raffica di corrente.

Sabato 14 e domenica 15 aprile si è disputato a Catania il Campionato Italiano di Pentathlon Lanci. Una bella festa dell’atletica italiana per gli atleti delle prove multiple dei lanci che ha visto assegnati in Sicilia, i titoli italiani invernali  per gli specialisti di martello, peso, disco, giavellotto e martello con maniglia corta.

In questo ordine di programma tecnico due giornate di sfide per gli atleti provenienti da tutta Italia che sono stati in gara allo stadio di Picanello e che ha visto impegnati sulle pedane  sabato tutte le categorie femminili,  mentre domenica è toccato agli uomini.

La città siciliana ha accolto quindi un’altra rassegna tricolore di questa specialità, dopo quella estiva del 2016.

La giornata di sole è stata messa da parte dalle fortissime folate di vento e da una leggera pioggia, ma l’ospitalità della SAL Catania e della Puntese hanno regalato a tutti un weekend davvero speciale; in cui non sono mancate le prestazioni di alto livello tecnico, tra cui alcune nuove migliori prestazioni italiane di categoria per gli specialisti dei lanci.

Infatti le gare hanno  fatto registrare 3 nuovi record Italiani che arrivano da Brunella del Giudice che ottiene 4451 punti nel pentathlon lanci, Maria Grandinetti record italiano nel martello con maniglia corta m. 12,22 e Andrea Meneghin record italiano nel martello con maniglia corta m. 17,78.

Presente la prima giornata, il Sindaco di Catania, Enzo Bianco, che ha voluto dare il benvenuto ai partecipanti e porgere le congratulazioni al presidente della puntese Giacinto Bidetti, al presidente della Fidal Catania Giuseppe Sciuto e alle due campionesse italiane in carica: la giavellottista Giusi Parolino e la martellista Irene Messina.

In una giornata in cui il vento ha messo in ginocchio tutta la Sicilia, la campionessa d’Italia Giusi  Parolino sale sul podio tricolore e si aggiudica con 2740 punti la medaglia di bronzo, grazie ad una straordinaria misura di m.10,40 nel lancio del martello con maniglia corta, che in una gara da martellisti è un’impresa, e m.29,35 nel lancio del giavellotto che sommati ai punti ottenuti nel peso, nel disco e nel martello le hanno permesso di migliorare il suo personale di oltre 100 punti.

Da segnalare che la misura registrata  sabato, nonostante un nullo all’ultimo lancio stimato intorno ai 35 metri andato fuori settore a causa del vento, posiziona la giavellottista siciliana al quarto posto nella classifica Europea di categoria  “Sono felicissima sia per l’inaspettata misura ottenuta nel lancio del martello con maniglia corta sia per il nuovo record Siciliano nel lancio del giavellotto, battere se stessi è la più grande soddisfazione, soprattutto quando riesci a contrastare il vento per un lanciatore è pura gioia, ma come dice il coach Emanuele Serafin l’allenamento giusto paga sempre è soltanto questione di tempo.

Vincere in una giornata climaticamente così avversa significa che presto arriverà anche di meglio – dichiara una Giusi raggiante – la gara dei giavellotti Trevigiani di Conegliano è servita a mettere in piedi una nuova rincorsa che ha dato subito le prime giuste risposte. Desidero –  continua – fare un ringraziamento particolare alle Campionesse d’Italia di Pentathlon lanci Paola Rosati e Maria Grandinetti che mi supportano con vera amicizia e preziosi consigli tecnici e umani”.

Dedico questa medaglia al mio amico Totò Stuppia che ci ha lasciati lo scorso anno in questo periodo.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04