Stato-Mafia, boss disse a ufficiale: “noi dalla stessa parte”

Stato-Mafia, boss disse a ufficiale: “noi dalla stessa parte”

0
SHARE

Al processo Stato-mafia oggi ha deposto Domenico Di Petrillo, ex colonnello dei carabinieri e capo centro della Dia a Roma, che ha gestito anche l’inizio della collaborazione del pentito Gaspare Mutolo, partecipando ai primi “colloqui” che Mutolo ebbe con il giudice Paolo Borsellino. “Inizialmente mi occupai anche di Luigi Ilardo – ha detto De Petrillo – incontrandolo due volte nel carcere di Lecce. Mi confermo’ la sua volonta’ di collaborare dicendomi che era in grado di farci arrivare a Bernardo Provenzano. Poi il contatto fu gestito dal colonello Riccio”. Secondo De Petrillo, inoltre, nel corso di un incontro svoltosi nel penitenziario di Philadelphia il boss Gaetano Badalamenti, gli avrebbe anche detto, fuori verbale: “Colonnello, eravamo dalla stessa parte”. Una affermazione – condivisa da De Petrillo con altri investigatori presenti, tra cui anche il maresciallo Antonino Lombardo (poi suicidatosi). Ha deposto anche l’ex senatore Melchiorre Cirami: “Fui il primo firmatario di un ddl sulla dissociazione dei mafiosi ma non mi era mai passato per la testa di affrontare un simile argormento prima dello stimolo proveniente dal senatore Nava”. Cirami – ex magistrato – ha risposto alle domande del pm Nino Di Matteo che intendeva conoscere quali erano stati i passaggi che avevano preceduto la stesura del testo, che non arrivo’ mai alla discussione in Parlamento: “Non ci fu alcun tipo di confronto o discussione – ha detto – su questa iniziativa, la prima messa in atto dopo l’elezione, avvenuta qualche mese prima. Non ne parlai ne’ con esponenti del mio gruppo ne’ in commissione Antimafia”. Il processo e’ stato aggiornato a domani.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *