Terremoto sconvolge l’Italia: il giorno del dolore

Terremoto sconvolge l’Italia: il giorno del dolore

0
SHARE
Terremoto Amatrice (AP Photo Gregorio Borgia)

Il terremoto di oggi ad Amatrice, un uomo tirato fuori dalle macerie
Il terremoto di oggi ad Amatrice, un uomo tirato fuori dalle macerie
La bambina salvata a Pescara del Tronto
La bambina salvata a Pescara del Tronto

Ci siamo svegliati stamani con la notizia del tremendo terremoto che ha sconvolto una fetta importante della nostra Italia.

Il dolore, lo sgomento, l’incredulità si sono subito impossessati di noi divenendo sempre più asfissianti con la conoscenza delle cifre della tragedia.

La situazione sismica nella zona del terremoto della scorsa notte a cavallo tra Lazio, Umbria e Marche “continua ad essere di forte attività, con molte repliche che si susseguono nell’area”.

L'hotel Roma crollato
L’hotel Roma crollato

Lo ha detto la responsabile della struttura terremoti dell’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia, Daniela Pantosti, spiegano che al momento ci sono state circa 250 scosse. E in serata, alle 19,45 una nuova violenta scossa ha fatto tremare l’area della frazione di Pescara del Tronto, facendo muovere le strutture di acciaio e le tende nel vicino campo di soccorso allestito dalla Protezione civile.

Terremoto Amatrice, una suora ferita
Terremoto Amatrice, una suora ferita

Proprio da Pescara del Tronto, il piccolo centro spazzato via dal sisma, una storia a lieto fine: una bambina di 10 anni e’ stata estratta viva dalle macerie dopo 15 ore. Nell’altra zona colpita dal terremoto, quella del reatino, non ce l’ha invece fatta ed è stato trovato morto il bambino di 11 anni che ad Amatrice aveva dato segnali di vita diventati poi sempre più flebili.

‘Ci sono almeno 120 vite spezzate in questo momento’ ha detto Matteo Renzi, arrivato nel tardo pomeriggio nelle zone del terremoto. Il premier aveva anticipato l’ultimo aggiornamento ufficiale della Protezione civile, che parlava di 120 vittime, 86 tra Amatrice ed Accumoli e 34 nelle Marche. Ma in tarda serata si sono aggiunti altri 12 morti nella zona di Arquata del Tronto, che portano il totale provvisorio delle vittime a 132. Tra di loro sono tanti i bambini, come un piccolo di 4 anni di Amatrice, deceduto in ospedale ad Ascoli Piceno, e Marisol, una bimba di 18 mesi sorpresa dal terremoto, mentre dormiva, nella casa delle vacanze in cui si trovava con i genitori ad Arquata del Tronto.

Terremoto nel centro Italia
Terremoto nel centro Italia

La Protezione Civile ha diffuso anche il primo bilancio ufficiale ed ancora provvisorio dei feriti: se ne registrano al momento 270. Sono 196 nel reatino e 74 nelle Marche. E accanto alla tragedia dei morti, il dramma degli sfollati. Solo nelle Marche sono ben 1.500. Per tutti è in arrivo la prima notte al di fuori delle proprie case. Sono già pronte numerose tendopoli. Renzi, che ha incontrato il ministro Delrio ed il capo della Protezione civile Curcio prima di partecipare a Rieti a una riunione operativa, ha spiegato che ‘l’emergenza avrà un lungo periodo di gestione, dovremo essere tutti all’altezza di questa sfida’ assicurando che ‘la credibilità e l’onore di tutti noi sarà nel garantire una ricostruzione vera che consentirà agli abitanti di vivere, di ripartire’.

E già domani in Consiglio dei ministri (in programma alle 18) saranno presi ‘i primi provvedimenti’ e sarà dichiarato lo stato d’emergenza. Il capo del Governo, che ha pure incontrato ad Amatrice i volontari che da questa mattina scavano per cercare di sottrarre vite umane alle macerie degli edifici distrutti dal sisma, ha sottolineato che ‘la macchina dei soccorsi si è messa in moto immediatamente’ ed ha promesso che ‘da domani, per i prossimi mesi, saremo operativi sulla ricostruzione, ora è anche il momento in cui si possa far scendere qualche lacrime, per chi crede è momento della preghiera, per chi non crede è il momento del rispetto”.

La zona più colpita dal terremoto – una scossa di magnitudo 6.0 avvenuta alle 3.36, seguita meno di un’ora dopo da un’altra di 5.4 – è quella a cavallo fra Lazio, Umbria e Marche, nelle province di Rieti, Perugia ed Ascoli Piceno. Quasi distrutti sono i paesi di Amatrice, Accumoli, Arquata e la frazione di Pescara del Tronto dove, secondo i soccorritori, la situazione è ‘peggiore di quella dell’Aquila’. E ad Amatrice è crollato uno dei simboli della città, lo storico Hotel Roma famoso per il ristorante che serve la tipica pasta ‘all’amatriciana’. Sono finora due i morti accertati nella struttura, ma secondo il sindaco al momento del crollo all’interno c’erano 70 persone.

L’ultimo bilancio diffuso dal Dipartimento della Protezione Civile rivela che è salito a 159 il numero dei morti accertati. Le vittime sono 106 nel reatino e 53 nell’ascolano.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *