Turista violentata, rapinata e abbandonata a Ferragosto, scattano due arresti

Redazione

Palermo

Turista violentata, rapinata e abbandonata a Ferragosto, scattano due arresti

di Redazione
Pubblicato il Ago 17, 2018
Turista violentata, rapinata e abbandonata a Ferragosto, scattano due arresti

Violentata, rapinata e abbandonata nelle campagne di Carini all’alba. E’ stata la notte da incubo di una turista colombiana a Palermo. La ragazza ha, però, trovato la forza di fermare un passante e far scattare l’allarme ai carabinieri che l’hanno accompagnata in ospedale prima di ricostruire l’accaduto.

La ragazza di 22 anni era in vacanza a Palermo insieme alla sorella gemella e ad un amico ed alloggiava all’Hotel San Paolo. Ma la notte di Ferragosto, come racconta il giornale La Repubblica oggi in edicola, la giovane aveva bevuto un po’ troppo e al suo rientro in camera, ubriaca, litigava con la sorella decidendo di andarsene nonostante la vacanze dovesse durare fino al 24 agosto.

Così, forse anche perché ubriaca e in preda alla collera, la ragazza lasciava a piedi il San Paolo e percorreva un lungo tratto ripresa da varie telecamere visionate dai carabinieri nel corsod ella loro ricostruzione dei fatti.

Arrivava, così, sempre ampiedi, fino in piazza Rivoluzione dove incontrava un ambulante che aveva già visto e due palermitani che le offrivano un passaggio per l’aeroporto dietro il semplice pagamento del costo della benzina.

L’aggressione scattava dopo tre tentativi di far carburante in tre diversi distributori nei quali la carta di credito della sud americana non funzionava. I due palermitani, apertamente indispettiti, cambiavano atteggiamento. Era a questo punto che scattava l’aggressione e la violenza sessuale nel tragitto verso l’aeroporto concluso con la rapina e l’abbandono in campagna.

Sono bastate 48 ore di indagini, però, ai Carabinieri grazie anche alle telecamere dell’hotel, stradali e dei distributori di carburante per risalire all’Alfa 147 grigia degli aggressori e da questa, inmtestata alla compagna di uno dei due, ai presunti responsabili: Giuseppe Emanuele Ruisi, 26 anni e Francesco Castellese, 36 anni.

I due sono stati arrestati e dovranno, adesso, rispondere di violenza sessuale e rapina aggravata. Al vaglio degli inquirenti la posizione di una terza persona, proprio l’ambulante che in piazza Rivoluzione avrebbe presentato la ragazza ai due garantendo per loro


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04