Università, allarme migrazione di massa: il 50% degli agrigentini va via

Redazione

Agrigento

Università, allarme migrazione di massa: il 50% degli agrigentini va via

di Redazione
Pubblicato il Mar 15, 2016

Una pianificazione finanziaria a lungo periodo per i consorzi universitari di Trapani e Agrigento, che permetta di programmare l’istruzione universitaria con continuita’ ed efficacia ed evitare quella migrazione di massa in altre universita’ italiane che per Trapani e’ al 62,3% e per Agrigento supera il 50%”. Lo chiede il rettore dell’Universita di Palermo Fabrizio Micari, lanciando l’allarme sulla migrazione universitaria che riguarda soprattutto gli studenti siciliani residenti nelle aree in cui l’istruzione accademica e’ affidata ai consorzi periferici.

Ma il tema e’ piu’ ampio. “Non riusciamo a garantire ai giovani il diritto allo studio, e fino a maggio non sapremo se e come potremo procedere. L’elemento piu importante e’ la stabilita’ del contributo – ha aggiunto Micari– occorre ragionare su un intervento temporale piu’ ampio”. L’allarme di Micari e’ stato accolto dal rettore di Catania Giacomo Pignataro: “In Sicilia abbiamo cercato di regolarci sulla base di un taglio del 20% dei contributi in soli cinque anni, ma ora siamo davvero allo stremo. Abbiamo consapevolmente evitato di aumentare le tasse universitarie, ma servono misure di sostegno”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04