Viadotto Scorciavacche: 30 indagati (Anas, tecnici, imprese) per il crollo

Viadotto Scorciavacche: 30 indagati (Anas, tecnici, imprese) per il crollo

0
SHARE
Il tratto di strada crollato del viadotto Scorciavacca sulla Agrigento Palermo,

Dalla fase progettuale all’esecuzione dei lavori: è un’inchiesta a tutto campo, che coinvolge i vertici di Anas Sicilia, quella della Procura della Repubblica di Termini Imerese (Palermo) sul cedimento della rampa di accesso al viadotto Scorciavacche della Palermo-Agrigento. Il procuratore Alfredo Morvillo e il pm Francesco Gualtieri hanno scoperto le carte iscrivendo 30 nomi nel registro degli indagati: con il direttore di Anas Sicilia, Salvatore Tonti, ci sono collaudatori, tecnici e rappresentanti delle imprese che hanno eseguito i lavori. L’ipotesi di reato è di attentato alla sicurezza dei trasporti. La svolta è collegata a una richiesta di accertamenti tecnici che la Procura intende promuovere nella forma di un “incidente probatorio” perchè si tratta di atti irripetibili. Il collasso della struttura, un rilevato su terrapieno, si è verificato il 30 dicembre 2014. L’opera era stata inaugurata alla vigilia di Natale con grande soddisfazione del presidente dell’Anas, ora dimissionario, Pietro Ciucci, perchè i lavori erano stati conclusi tre mesi prima del termine indicato nel contratto di appalto. L’opera era stata assegnata al consorzio di imprese “Bolognetta scpa” costituito da Cmc di Ravenna, Tecnis di Catania e Ccc di Bologna. Il cedimento della rampa (il viadotto vero e proprio non è stato interessato) aveva suscitato reazioni molto forti. Matteo Renzi in un tweet aveva chiesto il nome del responsabile e aveva concluso con un hastag indignato: #finitalafesta. Secondo gli ispettori inviati in Sicilia dall’allora ministro Maurizio Lupi, il terrapieno su cui è stata costruita la rampa è risultato “non idoneo all’utilizzo rispetto alle condizioni stratigrafiche, geotecniche e idrauliche del territorio su cui è stato realizzato”. La relazione è stata acquisita dai pm, insieme a quelle dei consulenti della Procura. Ora le conclusioni dei tecnici sono poste alla base della decisione di iscrivere nel registro degli indagati non solo i vertici di Anas Sicilia ma anche responsabili tecnici e amministrativi della “Bolognetta”, contraente generale per i lavori di ammodernamento della statale 121, e i responsabili tecnici e amministrativi della società “Icoler srl”, sub-affidataria dei lavori di realizzazione del rilevato in terra rinforzata. Gli altri indagati sono i tecnici e gli esperti che si sono occupati della progettazione definitiva, esecutiva e di dettaglio del lotto, il direttore dei lavori, il direttore operativo, i responsabili del procedimento pro-tempore dei lavori, i componenti dell’ufficio di Alta sorveglianza per conto dell’Anas. Si procede infine nei confronti dei presidenti dell’organo di collaudo che si sono succeduti nel corso dei lavori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *