Vigilantes uccise giovane dopo lite, condannato in appello

Vigilantes uccise giovane dopo lite, condannato in appello

0
SHARE
Giuseppe Giuffrida, la vittima

La prima Corte d’assise d’appello di Catania ha condannato a sei anni e quattro mesi di reclusione, per omicidio volontario, Francesco Longo Minnolo, il vigilante di 35 anni accusato di avere ferito mortalmente con un colpo di pistola Giuseppe Giuffrida, 22 anni, il 4 ottobre del 2012, ai Mercati agro alimentari Sicilia (Maas). I giudici di secondo grado hanno riformato in parte la sentenza del Gup Marina Rizza che, l’11 febbraio scorso, a conclusione del processo col rito abbreviato, aveva comminati all’imputato due anni e sei mesi di reclusione, derubricando l’accusa a eccesso di legittima difesa. La Corte d’assise d’appello ha disposto anche una provvisionale di 20mila euro ciascuno per i genitori della vittima e di 10 mila per il fratello e la sorella di Giuffrida, che si erano costituiti parti civili, assistiti dagli avvocati Giuseppe Lipera, Grazia Coco, Claudia Branciforti e Salvatore Cavallaro. La sparatoria avvenne all’ingresso dei Maas il 3 ottobre 2012: durante una violente lite Longo Minnolo avrebbe esploso un colpo all’addome della vittima con la sua Glock 19 calibro 9 per 21, in dotazione per il servizio di vigilanza. Il ventiduenne mori’ il giorno dopo in ospedale. Indagini sono state svolte dai carabinieri del comando provinciale. Longo Minnolo, difeso dagli avvocati Salvatore Trombetta e Fabrizio Siracusano, e’ attualmente agli arresti domiciliari. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY