Connect with us
Giudiziaria

“Non si rintracciano elementi di un patto corruttivo”, il Riesame riabilita Sergio Vella

“Non può riconoscersi rilievo gravemente indiziante al solo rapporto confidenziale esistente tra i due"

Pubblicato 1 mese fa

“Il compendio indiziario non è sufficientemente solido e idoneo a superare la soglia della gravità in relazione alla fattispecie corruttiva in addebito al ricorrente.” Si è pronunciato in questi termini il tribunale del Riesame, presieduto dal giudice Antonia Pappalardo, in accoglimento del ricorso dell’imprenditore Sergio Vella, titolare della Seap. Con queste motivazioni il tribunale della Libertà, riabilitando l’imprenditore, ha revocato la misura dell’interdizione dallo svolgere attività per un anno nei confronti del titolare della Seap.

Il Riesame, accogliendo il ricorso degli avvocati Pasquale Contorno e Giuseppe Grillo, ha annullato l’ordinanza del gip del tribunale di Palermo che disponeva l’interdizione dall’attività di impresa. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dai sostituti Claudia Ferrari e Gianluca De Leo, ipotizza un accordo corruttivo tra l’imprenditore agrigentino e un dirigente regionale – Marcello Asciutto. Secondo gli inquirenti Vella, in cambio delle autorizzazioni ambientali avute in tempi celeri, avrebbe investito direttamente o tramite familiari e imprese a lui riconducibili circa un milione di euro in due società di Milano impegnate in attività di trading finanziario, amministrate dal figlio del funzionario nel dipartimento Acqua e rifiuti e attualmente all’assessorato Agricoltura.

Secondo il collegio di giudici del Riesame, invece, non può riconoscersi rilievo gravemente indiziante al solo rapporto confidenziale esistente tra i due coindagati o alla mera circostanza che Asciutto dispensasse consigli tecnici a Vella in alcune conversazioni risalenti a epoca successiva al 31.7.2019”. 

E, in particolare, il contenuto dei dialoghi intercettati “rivela la conoscenza da parte del pubblico ufficiale delle pratiche delle quali il  privato era titolare e un generico interesse allo stato e ai tempi di avanzamento delle stesse, ma nulla suggerisce, poi, in merito al concreto intervento di Asciutto per la cura o la vigilanza su di esse, non riscontrandosi, di fatto, né affermazioni o atteggiamenti che lascino anche solo presumere una effettiva presa in carico, né rassicurazioni a Vella”

Scrive il Riesame: “Il costante  impegno mostrato sia da Asciutto che da Vella nel promuovere e valorizzare l’attività imprenditoriale messa in atto da Asciutto Alessandro, non rintracciandosi elementi ulteriori che consentano di ricondurre tali condotte, anche solo in modo allusivo o implicito, al patto corruttivo o, più in generale, all’esistenza di un accordo tra i due coindagati. La circostanza che Asciutto avesse proposto un investimento nella società del figlio anche ad altri colleghi da un lato, e quella che Vella mostrasse in più occasioni entusiasmo per l’investimento proprio e di altri soggetti da lui stesso persuasi, dall’altro, rendono anzi meno netti i contorni dello schema accusatorio, proprio con riguardo alla sinallagmaticità tra le operazioni finanziarie effettuate da Vella e le condotte poste in essere da Asciutto, e impongono la ricerca di ulteriori dati idonei a fornire adeguato e concreto riscontro a quanto solo astrattamente prospettato.”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

03:14
00:52 - Un libro e un busto bronzeo per l’attore Pippo Montalbano +++23:59 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++22:05 - Grecia, Sicilia e Malta. Qui si gioca il futuro del Mediterraneo come Hub Digitale +++20:21 - Migranti, donna trovata in mare su salvagente +++20:18 - Mafia, inchiesta Gotha: 34 condanne +++20:14 - Infedele patrocinio, condannata avvocatessa +++20:12 - Anziano rapinato e ucciso, condanne ridotte in Appello +++19:59 - Disabile suicida in comunità: chiesti 5 rinvii a giudizio +++18:17 - Cadavere in mare al porto di Palermo, trovato da motovedetta +++18:16 - Migranti, Martello: “con Governo Meloni non è cambiato nulla” +++
00:52 - Un libro e un busto bronzeo per l’attore Pippo Montalbano +++23:59 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++22:05 - Grecia, Sicilia e Malta. Qui si gioca il futuro del Mediterraneo come Hub Digitale +++20:21 - Migranti, donna trovata in mare su salvagente +++20:18 - Mafia, inchiesta Gotha: 34 condanne +++20:14 - Infedele patrocinio, condannata avvocatessa +++20:12 - Anziano rapinato e ucciso, condanne ridotte in Appello +++19:59 - Disabile suicida in comunità: chiesti 5 rinvii a giudizio +++18:17 - Cadavere in mare al porto di Palermo, trovato da motovedetta +++18:16 - Migranti, Martello: “con Governo Meloni non è cambiato nulla” +++