Corruzione e turbativa d’asta: arrestati sindaco e funzionario comunale

Redazione

Catania

Corruzione e turbativa d’asta: arrestati sindaco e funzionario comunale

di Redazione
Pubblicato il Giu 6, 2019
Corruzione e turbativa d’asta: arrestati sindaco e funzionario comunale

La Guardia di finanza di Catania ha arrestato il sindaco e un funzionario del Comune di San Pietro Clarenza e l’amministratore e un dipendente di una societa’ privata per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e turbata libertà degli incanti.

Al centro dell’inchiesta della Procura distrettuale di Catania la procedura di gara per l’assegnazione del servizio di raccolta, spazzamento e trasporto rifiuti.

Gli appalti oggetto dell’indagine, per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro, sono relativi al periodo 2015-2018. Nei confronti degli indagati il Gip di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per due e agli arresti domiciliari per altri due.

I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere dell’operazione ‘Differenziata’ sono il sindaco Giuseppe Bandieramonte, 44 anni, rieletto nel maggio del 2018 con 3.235 voti equivalente all’82,44% delle preferenze espresse, e l’imprenditore Angelo La Piana, 41 anni, amministratore della Progitec srl, società specializzata nella raccolta di rifiuti solidi non pericolosi.

Agli arresti domiciliari il Gip ha posto Michele Faro, 61 anni, responsabile del servizio Rifiuti solidi urbani del Comune di San Pietro Clarenza, e Silvio Calandrino, dipendente della Progitec che fino al 2018 era impiegato dell’Ente alle dipendenze di Faro.

Le indagini del nucleo Polizia economica-finanziaria della guardia di finanza di Catania hanno preso avvio nel luglio del 2018 dopo le denunce di dipendenti del Comune su “anomalie nella gestione del denaro pubblico” e su presunti “rapporti poco chiari esistenti tra il sindaco e gli amministratori Progitec”.

Quest’ultima, sostiene l’accusa, avrebbe ottenuto “attraverso un meccanismo corruttivo allarmante” più affidamenti di lavori per conto del Comune “assicurati da Bandieramonte con ordinanze sindacali contingibili e urgenti” per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e il loro trasporto, che sono state 18 tra gennaio 2015 e ottobre 2018 per un totale di 3milioni di euro.

Ma anche di altri servizi, come la pulizia interna ai locali del Municipio e dei tombini, impiantistica e spazio verde, pulizia scuole, servizi di approntamento seggi elettorali, bonifica micro discariche e diserbamento. In cambio la Progitec, contesta la Procura di Catania, avrebbe garantito al sindaco sponsorizzazioni di eventi sportivi organizzati da suoi familiari, l’assunzione da parte dell’impresa di persone che garantivano appoggio elettorale a Bandieramonte, compresa la sua compagna che, sottolinea la Gdf, incassava dalla Progitec 50mila euro di stipendio l’anno per un’attività lavorativa mai svolta.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04