Agrigento

Saldi Estivi 2024, aspettative in linea con le previsioni

Le parole del presidente provinciale di Confcommercio e Federmoda

Pubblicato 2 settimane fa

Al via i saldi estivi 2024. Il primo sabato di luglio partirà la stagione degli sconti per l’estate. Il periodo di riferimento andrà dal 6 luglio al 15 settembre , un periodo più che fondamentale per un comparto che sta vivendo una profonda crisi economica. Un appuntamento, quello dei saldi estivi, che continua ad essere il preferito per fare gli acquisti.

Il pensiero del Presidente di Federmoda provinciale aderente a Confcommercio Agrigento, Alfonso Valenza, è “che possa, finalmente, per il comparto della moda essere un periodo positivo e avere una boccata d’ossigeno. L’auspicio è quello di un proficuo lavoro grazie ai saldi, attesi come sempre da tantissimi clienti”. Il dato estremamente preoccupante è quello che ogni giorno in Italia chiudono 24 negozi di moda e ne riapre soltanto la metà. Non si può che partire da questo dato per marcare la necessità, per tutti gli operatori della moda, di operare in un mercato dove bisogna garantire e mantenere le stesse regole per tutti Quest’anno ogni famiglia spenderà in media 202 euro, in leggero calo rispetto al 2023, per un valore complessivo di 3,2 miliardi di euro (fonte Ufficio Studi Confcommercio).
“Come associazione di rappresentanza, Confcommercio Agrigento sottolinea l’importanza di seguire le regole per garantire acquisti sicuri e trasparenti”, afferma Giuseppe Caruana, Presidente Provinciale di Confcommercio Agrigento. “I saldi estivi, che si prospettano più chiari, sicuri e trasparenti anche grazie alle nuove regole messe in campo a partire dal 2023, offrono di certo ai consumatori una maggiore garanzia nel diritto di scelta”.

A tal proposito, la Federazione Moda Italia e Confcommercio ricordano una serie di indicazioni fondamentali, sia per gli esercenti che per i clienti, per effettuare gli acquisti in saldo seguendo norme di sicurezza e trasparenza: CAMBI: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. A differenza degli acquisti nei negozi fisici, in quelli online è possibile restituire il prodotto o effettuare cambi entro 14 giorni dal ricevimento a prescindere dall’esistenza di un vizio; PROVA DEI PRODOTTI: non c’è obbligo, è rimesso alla discrezionalità del negoziante; PAGAMENTI: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante; PRODOTTI IN VENDITA: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo; INDICAZIONE DEL PREZZO: obbligo di indicare il prezzo normale di vendita (tenendo conto che, in base al D.lgs 26/2023, va indicato il prezzo più basso applicato alle generalità dei consumatori nei trenta giorni precedenti l’avvio dei saldi), lo sconto e il prezzo finale.

Confcommercio Agrigento augura ai commercianti e ai consumatori una stagione dei saldi proficua e soddisfacente, incoraggiando tutti a seguire le regole e a fare acquisti consapevoli e sicuri.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *