Agrigento

Cala il sipario sulle Giornate FAI di Primavera: Taibi: “un successo al di sopra di ogni aspettativa”

Un fiume di visitatori, proveniente da tutta la Sicilia, si è riversato nei quattro beni aperti ad Agrigento

Pubblicato 2 mesi fa

“Centrato un successo al di sopra di ogni aspettativa”. Lo ha detto il Capo Delegazione FAI Agrigento, Giuseppe Taibi, nel commentare il positivo risultato le Giornate FAI di Primavera 2024. 
Un fiume di visitatori, proveniente da tutta la Sicilia, si è infatti riversato nei quattro beni aperti per l’occasione: la Scala Reale e le sale di rappresentanza del Palazzo del Governo, il Giardino Botanico, la Cava di Templi e il Teatro dell’Efebo, i giardini di Villa Genuardi, sede della Soprintendenza e il Giardino della Kolymbethra ( a cura dello Staff diretto da Federica Salvo). Per l’occasione, inoltre, sabato 23 marzo, è stata inaugurata alla Prefettura la mostra: ” I Taccuini di Girgenti – Appunti di immaginazione di Salvatore Alaimo; visitabile gratuitamente dal 23 al 30 marzo. 
“Una grande partecipazione da parte della popolazione che ha gradito l’apertura dei quattro beni per celebrare Agrigento Capitale Italiana della Cultura 2025 – ha ancora sottolineato Giuseppe Taibi – è stato bello incontrare tanti giovani e tanti visitatori. Abbiamo voluto valorizzare i polmoni verdi di Agrigento, anche perché molti non li conoscevano. Desidero per tutto questo ringraziare la Delegazione, i giovani ed i volontari del FAI, la Prefettura, il Libero Consorzio Comunale di Agrigento, la Soprintendenza, i Dirigenti scolastici, i docenti e gli studenti degli Istituti coinvolti in questa indimenticabile due giorni” . 
Grazie alla preparazione degli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti appositamente formati per raccontare le meraviglie del loro territorio, le Giornate hanno saputo offrire un racconto unico e originale dei beni, come ha affermato la Delegata scuola, Anna Gangarossa :”E’ stata una grande opportunità di scoprire una città meno nota da veri protagonisti! Con questo spirito i ragazzi hanno infatti vestito i panni di  Apprendisti Ciceroni, sostenuti in questa esperienza formativa dai loro dirigenti scolastici e docenti” . 
“Giornate importantissime che hanno anticipato un 2025 ricco di iniziative culturali per la nostra Città”, è stato infine il commento del coordinatore FAI Giovani Ruben Russo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *