Agrigento

Stati Generali del Cinema in Sicilia, il videomaker Marco Gallo rappresenta Agrigento

Nel 2025 tutti i Festival del cinema siciliano saranno presenti in un evento esclusivo

Pubblicato 1 mese fa

Nel weekend appena trascorso si sono svolti gli Stati Generali del Cinema in Sicilia, evento organizzato dalla Regione Sicilia e voluto fortemente dal Presidente alla Regione Renato Schifani e l’Assessore al Turismo Elvira Amata con una cornice straordinaria come quella del Castello Maniace di Ortigia. Tre giorni, dal 13 al 15 Aprile, dove si sono susseguiti diversi panel e tavoli tecnici di confronto tra produzioni, distribuzioni, addetti ai lavori ed organizzatori di Festival del cinema siciliani con qualche momento di spettacolo come il concerto in piazza del premio oscar Nicola Piovani, compositore del film “La vita è bella”. A rappresentare Agrigento c’era il videomaker agrigentino Marco Gallo, direttore artistico del Sicilymovie – Festival del Cinema di Agrigento, giunto alla nona edizione e che da 4 si svolge alla Valle dei Templi di Agrigento. Marco Gallo è anche consigliere regionale del Coordinamento dei Festival del cinema siciliano, protagonisti dell’evento con alcuni tavoli tecnici ed una presentazione dei Festival durante un convegno nella giornata di chiusura. Proprio il regista agrigentino ha moderato il tavolo tecnico tra sindaci e assessori di molti comuni siciliani che, insieme agli altri Festival, hanno contribuito a supportare gli eventi della propria città.
Durante il convegno, invece, ha condotto una relazione su Agrigento Capitale italiana della Cultura 2025 ed ha lanciato l’invito per i 26 Festival del cinema del Coordinamento per un evento che li accoglierà tutti ad Agrigento, candidandosi come Capitale siciliana del cinema. Sul palco era presente anche Alessandro Rais, direttore artistico dell’Efebo D’Oro, storico festival nato ad Agrigento e Marco Gallo ha annunciato il gemellaggio tra i due festival con la speranza di riportare, anche solo per una giornata dell’evento, l’Efebo ad Agrigento. Il regista scrive poi sui social: “E’ stato un onore per me rappresentare Agrigento in un evento così importante e poter parlare non solo del mio Festival ma della capitale della cultura come città inclusiva e di accoglienza, in questo caso nei confronti di tutti gli altri Festival della Sicilia e sono ancor più contento di creare un gemellaggio con l’Efebo D’oro, lavoreremo nelle prossime settimane per renderlo ufficiale ed avere come obiettivo quello di riportarlo, anche per un solo giorno, ad Agrigento. Per noi festival è stato inoltre importante riuscire a concretizzare un calendario di festival del cinema che copre 150 giorni e gran parte del territorio siciliano”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *