Favara, “non morì di tumore”: dermatologo non dovrà risarcire paziente

Redazione

Favara

Favara, “non morì di tumore”: dermatologo non dovrà risarcire paziente

di Redazione
Pubblicato il Dic 12, 2017
Favara, “non morì di tumore”: dermatologo non dovrà risarcire paziente

La Sezione Civile del Tribunale di Agrigento ha respinto le richieste dei familiari di un uomo di Favara, morto alcuni anni fa, secondo l’accusa a causa di un tumore scambiato per un escrescenza da un medico dermatologo della Città dell’Agnello Pasquale. Il Tribunale ha respinto le istanze presentate dai familiari per un risarcimento perché, secondo il giudice Andrea Illuminati, il dermatologo Giuseppe Vitello “non è responsabile” per il decesso del paziente dato che nessuna imperizia medica o negligenza può essere attribuita al medico. Anzi, secondo quanto scritto dal giudice nella sentenza depositata, l’uomo deceduto, Vincenzo Arancio, non avrebbe seguito, come più volte sollecitato, i consigli del medico curante a sottoporsi a visite e accertamenti specialistici.

Lo scorso anno Giuseppe Vitello era stato condannato, in sede penale, a cinque mesi di reclusione (pena sospesa) essendogli state riconosciute delle responsabilità.

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04