Cianciana

Cianciana, resta in silenzio l’uomo che ha accoltellato moglie e figli

I bambini di 3 e 6 anni sono entrambi ricoverati in rianimazione a Palermo

Pubblicato 3 settimane fa



E’ rimasto in silenzio, sia al momento dell’arresto che durante tutta la prima notte di carcere passata a Sciacca, Daniele Alba, il meccanico 35enne di Cianciana che ieri ha accoltellato moglie e figli. Dopo essere stato convinto a uscire di casa e a consegnarsi, in seguito ad una estenuante trattativa fatta dal negoziatore del reparto Operativo dei carabinieri, ha rischiato di essere linciato da un uomo che ha anche colpito con un pugno l’auto dei carabinieri. Il meccanico è accusato di triplice tentato omicidio e nelle prossime ore verrà interrogato. Alla base della sanguinosa aggressione familiare l’ennesima lite con la moglie che aveva preannunciato all’uomo di volerlo lasciare. Intanto i due bambini di 3 e 6 anni sono entrambi ricoverati in rianimazione a Palermo. Il maschio e’ al Civico, mentre la sorellina e’ in Terapia intensiva all’ospedale dei bambini, il “Di Cristina”: entrambi sono stati trasferiti ieri con l’elisoccorso del 118. Il piccolo e’ stato subito operato in Cardiochirurgia pediatrica. Una delle coltellate inferte dal padre fra torace e addome gli ha sfiorato il cuore e lesionato un polmone. Subito dopo, i medici lo hanno sottoposto a una seconda operazione, in Neurochirurgia, al cervello. La sorellina ha diverse ferite al volto, in particolare due molto profonde preoccupano i medici. I due piccoli hanno trascorso la notte senza cambiamenti del quadro clinico. Fonti ospedaliere riferiscono di una situazione in continua evoluzione. E’, invece, fuori pericolo da subito la donna, dopo che e’ stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *