Agrigento

Agrigento, affidati lavori per realizzare centro aggregativo giovanile a Villaseta

L’intervento, per il quale è previsto un investimento totale di 400mila euro, prevede la realizzazione di un nuovo centro aggregativo nei locali comunali

Pubblicato 11 mesi fa

Continuano ad arrivare belle notizie per il quartiere di Villaseta. È infatti del 16 marzo la notizia dell’affidamento dei lavori alla ditta A.S.G. Group S.R.L. per i lavori di realizzazione del centro aggregativo giovanile nei locali comunali di Piazza Concordia. 

L’intervento, per il quale è previsto un investimento totale di 400mila euro, prevede la realizzazione di un nuovo centro aggregativo nei locali comunali, precedentemente occupati dalla Polizia Locale e nei sottostanti locali che ospiteranno una biblioteca digitale, in cui verranno conservati e resi disponibili esclusivamente documenti in formato digitale, gestiti e catalogati elettronicamente ed il cui accesso potrà essere effettuato telematicamente.

Il centro aggregativo sarà un ulteriore luogo di incontro, di attività educative, formative, ricreative, didattiche e di socializzazione che offrirà ai fruitori servizi informativi e percorsi formativi e ricreativi volti a sostenerne il percorso di crescita. Previste nel rispetto dell’ambiente, numerose soluzioni derivanti dalla green technology, quali il ricorso a fonti di energia rinnovabili ed a sistemi attivi e passivi di contenimento dei consumi energetici, in attuazione delle linee programmatiche del PAESC del Comune di Agrigento. 

«Siamo in linea con i tempi che come amministrazione ci eravamo prefissati per l’avvio dei lavori – commenta l’assessore Gerlando Principato -. La ditta aggiudicatrice ha presentato un’offerta con un ribasso del 6.50% per un importo lavori di 283.260,39 euro, da parte del Comune di Agrigento. Con questi nuovi interventi insieme a quelli di piazza Concordia, Villaseta ed i ragazzi del quartiere, avranno finalmente un centro aggregativo comunale nel quale avranno la possibilità di svolgere attività formative, educative e didattiche».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *