Agrigento

Foibe, la Questura di Agrigento ricorda la figura di Giovanni Palatucci

Palatucci con il suo impegno civile, sfidò la violenza nazifascista, salvando migliaia di ebrei dall’orrore dei campi di sterminio.

Pubblicato 2 settimane fa

Con una breve cerimonia presieduta dal Questore di Agrigento, Tommaso Palumbo, alla presenza delle massime Autorità civili, religiose e militari della provincia, la Polizia di Stato questa mattina ha ricordato la figura di Giovanni Palatucci, ultimo Questore della città di Fiume, medaglia d’oro al merito civile e Giusto tre le Nazioni.

La Questura di Agrigento gli ha dedicato una targa commemorativa e un ulivo, piantumato all’interno della Caserma Anghelone, qui questa mattina è stata deposta una corona d’alloro alla presenza di una rappresentanza di poliziotti.

Giovanni Palatucci con il suo impegno civile, sfidò la violenza nazifascista, salvando migliaia di ebrei dall’orrore dei campi di sterminio. Un coraggio, quello di Giovanni Palatucci, che il 10 febbraio 1945 gli costerà la vita, dopo essere stato deportato nel campo di sterminio di Dachau.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *