Ucciso a New York boss Frank Calì: i contatti con le cosche agrigentine di “Franky Boy”

Redazione

Apertura

Ucciso a New York boss Frank Calì: i contatti con le cosche agrigentine di “Franky Boy”

di Redazione
Pubblicato il Mar 14, 2019
Ucciso a New York boss Frank Calì: i contatti con le cosche agrigentine di “Franky Boy”

Il magistrato di collegamento tra gli Stati Uniti e l’Italia, Christine Posa, ha preso contatti oggi con alcuni pubblici ministeri della procura di Palermo, in relazione alle indagini comuni su Francesco Paolo Augusto Cali’, detto Franky Boy, ucciso ieri sera a Staten Island, New York.

Il nome di Cali’, dopo le indagini di “Old Bridge”, un’operazione condotta in parallelo dallo Sco, dalla Squadra mobile di Palermo e dal Fbi nel 2008, era venuto fuori anche in tempi piu’ recenti ed erano emersi suoi contatti con le cosche palermitane degli Inzerillo (l’uomo assassinato era sposato con la sorella di Pietro Inzerillo, uno degli “scappati” degli anni ’80), ma soprattutto con gruppi mafiosi delle province di Agrigento e Trapani.

Questi ultimi collegamenti erano stati particolarmente intensi e del tutto indipendenti dai contatti con gli Inzerillo, che sono spiegabili anche con i rapporti di tipo familiare: con i mafiosi della parte sud-occidentale della Sicilia, Cali’ avrebbe avuto interessi economici comuni e relazioni non prive di profondi contrasti.

Tornando a Palermo, erano emerse altre fibrillazioni nei mesi precedenti l’arresto di Settimo Mineo nell’ambito dell’operazione Cupola 2.0 (4 dicembre scorso): il capomafia di Pagliarelli, indicato come il nuovo capo della rinnovata commissione di Cosa nostra palermitana, aveva chiesto il passaporto, indicando espressamente l’intenzione di andare negli Stati Uniti.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04