Catania

Morta Laura Salafia, 13 anni fa fu colpita da proiettile vagante a Catania

L'ex studentessa che rimase paralizzata dal collo in giu' quando, tredici anni, fa venne colpita da un proiettile vagante mentre andava all'università

Pubblicato 4 mesi fa

Laura Salafia e’ morta oggi, a 47 anni; l’ex studentessa che rimase paralizzata dal collo in giu’ quando, tredici anni, fa venne colpita da un proiettile vagante mentre andava all’universita’. Come ricorda orizzontescuola.it, si stava recando all’universita’ di Catania per sostenere un esame, ma venne raggiunta alla nuca da un proiettile sparato da un ex impiegato del Comune. Di recente la donna era stata insignita della laurea honoris causa, in cui le uniche parole detto, con difficolta’, sono state: “Sono stati anni affrontati con tutte le mie forze sapendo di riuscire”.

L’Universita’ di Catania aveva conferito a Laura Salafia la laurea magistrale honoris causa in Filologia Moderna. Dopo il tragico incidente dell’1 luglio 2010, Laura trascorse 16 mesi di terapia in un centro specializzato di Montecatone, nei pressi di Imola, prima di rientrare a Catania in una casa attrezzata appositamente per lei. Nel 2011 Laura Salafia, originaria di Sortino, nel siracusano, inizio’ a collaborare con il quotidiano catanese La Sicilia pubblicando periodicamente un suo ‘diario aperto’. Quei testi sono poi diventati il fulcro del volume “Una forza di vita” edito dalla Dse e pubblicato nel 2017.

Il 10 settembre 2016 Laura Salafia inoltre incontro’ Papa Francesco in piazza San Pietro e due anni fa, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l’ha insignita del titolo di ‘Cavaliera al merito della Repubblica’. “Laura e’ stata un esempio per tutti noi, con la sua forza ha dimostrato che gli obiettivi si possono raggiungere”, afferma il rettore della Universita’ di Catania, Francesco Priolo: “Nonostante la sofferenza, la fatica e le difficolta’ – aggiunge il rettore Priolo – Laura ha amato la vita e tutte le persone che le sono state vicine, compresa la nostra comunita’ accademica”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *