Connect with us
Mafia

Mafia, revocata confisca di 3 milioni di euro al cugino del boss

Pietro Centonze è cugino del capomafia ergastolano Natale Bonafede

Pubblicato 1 settimana fa

La quinta sezione penale e per le misure di prevenzione della Corte d’appello di Palermo ha revocato la confisca dei beni disposta nel dicembre 2019 dal Tribunale di Trapani per Pietro Centonze, 54 anni, pregiudicato di Marsala, e per i suoi familiari. Un patrimonio valutato in circa tre milioni di euro. Pietro Centonze è cugino del capomafia ergastolano Natale Bonafede.

Al pregiudicato e ai suoi familiari sono stati restituiti sedici immobili (abitazioni e terreni agricoli), quattro beni mobili (auto e moto), quattro società (due bar, due rivendite di tabacchi e un’attività d’intrattenimento) e quattordici tra conti correnti e rapporti bancari e postali. A Centonze i giudici di secondo grado hanno revocato anche la “sorveglianza speciale”. Arrestato all’alba del 22 gennaio 2002 nell’operazione di polizia e Dda “Progetto Peronospera” (seguirono, poi, Peronospera II e III, tutte coordinate dai pm Roberto Piscitello e Massimo Russo), Pietro Centonze fu condannato nel 2005, con sentenza definitiva della Corte d’appello di Palermo, a due anni e mezzo di carcere per favoreggiamento aggravato nei confronti di boss mafiosi, all’epoca latitanti, Giacomo e Tommaso Amato, adesso entrambi in carcere con condanna all’ergastolo.

Nel processo “Peronospera II”, invece, Centonze venne assolto dall’accusa di far parte della cellula marsalese di Cosa nostra. Infine, dopo una condanna a 20 anni in primo grado, è stato assolto in appello (con successiva conferma della Cassazione) per il duplice omicidio di due tunisini di 31 e 34 anni uccisi con due colpi di fucile la notte del 3 giugno 2015, in contrada Samperi, tra Marsala e Mazara del Vallo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11:48
12:03 - Nascondeva 21 flaconi di metadone in casa, arrestato +++11:59 - Trovati due ordigni bellici in Sicilia, artificieri al lavoro +++10:45 - Rapina a Palma di Montechiaro, arrestato 28enne: obbligo di dimora per il complice +++09:49 - Ponti malati tra Agrigento e Raffadali, la denuncia di Mareamico +++09:36 - Assemblea ANCI, il sindaco Provvidenza eletto nel Consiglio Regionale +++09:20 - Racalmuto, due nuovi assessori nella giunta Maniglia +++09:03 - Completati i lavori di manutenzione stradale della “Grotte – Firrio Cantarella” +++08:51 - Soldi spariti dalle carte di credito, altre due frodi online nell’agrigentino  +++08:46 - Favara, sorpreso con 15 grammi di cocaina: condannato  +++08:40 - Canicattì, calci all’auto della polizia per far evadere il marito: due indagati  +++
12:03 - Nascondeva 21 flaconi di metadone in casa, arrestato +++11:59 - Trovati due ordigni bellici in Sicilia, artificieri al lavoro +++10:45 - Rapina a Palma di Montechiaro, arrestato 28enne: obbligo di dimora per il complice +++09:49 - Ponti malati tra Agrigento e Raffadali, la denuncia di Mareamico +++09:36 - Assemblea ANCI, il sindaco Provvidenza eletto nel Consiglio Regionale +++09:20 - Racalmuto, due nuovi assessori nella giunta Maniglia +++09:03 - Completati i lavori di manutenzione stradale della “Grotte – Firrio Cantarella” +++08:51 - Soldi spariti dalle carte di credito, altre due frodi online nell’agrigentino  +++08:46 - Favara, sorpreso con 15 grammi di cocaina: condannato  +++08:40 - Canicattì, calci all’auto della polizia per far evadere il marito: due indagati  +++