Palermo

Corsa clandestina di cavalli in viale Regione Siciliana, indagini

Sequestrato un cavallo e denunciato il proprietario ma sono in corso indagini per identificare almeno cinquanta partecipanti

Pubblicato 12 mesi fa

La Polizia di Stato, alle prime luci dell’alba, ha interrotto una corsa clandestina di cavalli, pericolosamente organizzata sulla carreggiata centrale di viale Regione Siciliana, denunciando il proprietario di un cavallo e sequestrando l’animale. Avviate le ricerche dei tanti, almeno 50, che a vario titolo hanno partecipato alla realizzazione dell’illecito evento.

Stamani, una pattuglia dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in viale Regione Siciliana, nell’adempimento di un servizio di prevenzione e controllo del territorio, si è imbattuta in un capannello di scooter in marcia che “circondavano”, facendo da scudo, due calessi, trainati da cavalli e condotti da “gnuri”, con tanto di frustino, al galoppo. Anche la folta presenza di curiosi e “tifosi” assiepati lungo la carreggiata, ha fatto ritenere agli agenti che si trattasse di una gara non autorizzata. 

La pattuglia di poliziotti, a dispetto di ripetuti tentativi di far cessare la competizione e disperdere il drappello, ha dovuto incontrare notevoli difficoltà, sia per la resistenza opposta dai numerosi centauri che impedivano ai poliziotti di raggiungere la testa del corteo e quindi i due calessi, sia per l’ostilità dei citati “tifosi”, parecchi dei quali hanno lanciato all’indirizzo della vettura di polizia pietre anche di grosse dimensioni, danneggiandola in più parti.

Nonostante il rallentamento provocato dalla sassaiola, gli agenti hanno continuato a seguire i due calessi fin dentro il quartiere di Bonagia laddove ne hanno bloccato uno, affrontando, tra l’altro, le difficoltà legate all’imbizzarrimento del cavallo, condizione che ha agevolato la fuga dello “gnuri” in direzione di alcuni vicoli di zona.

Durante questa fase si è presentato agli agenti un 22enne del quartiere che ha dimostrato di essere il proprietario del cavallo e si è assunto la responsabilità dei reati legati all’improprio impiego dell’equino. 

Il giovane è stato, anche, riconosciuto dagli agenti come uno degli autori della citata sassaiola.

E’ stato denunciato per i reati di maltrattamenti di animali, impiego di animali in competizioni non autorizzate e danneggiamento.

Il cavallo, sottoposto a visita veterinaria che ne ha accertato le buone condizioni di salute, è stato sequestrato ed indagini sono in corso per risalire alle identità di chi ha partecipato all’illecita competizione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *