Giudiziaria

“Cocaina, hashish e marijuana in casa”: padre e figlio rinviati a giudizio 

Rinvio a giudizio nei confronti di padre e figlio di Canicattì accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

Pubblicato 2 settimane fa

Il gup del tribunale di Agrigento, Iacopo Mazzullo, ha disposto il rinvio a giudizio nei confronti di padre e figlio di Canicattì accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A processo, con prima udienza fissata il prossimo 18 luglio davanti il giudice monocratico Fulvia Veneziano, finiscono Giuseppe e Orazio Matina, 54 e 31 anni.

La vicenda risale all’agosto 2022 quando padre e figlio vennero arrestati in flagranza di reato dalla Squadra mobile di Agrigento e dai poliziotti del commissario di Canicattì. In casa, a margine di una perquisizione, fu ritrovato un vero e proprio deposito di stupefacenti: 23 grammi di cocaina, 435 grammi di hashish e 20 grammi di marijuana. Gli imputati sono difesi dall’avvocato Angelo Benvenuto. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *