Connect with us
PRIMO PIANO

Intimidazione a Palma, discoteca nel mirino: bomba davanti al cancello

Sono in corso attività di bonifica ad opera degli artificieri dei carabinieri e Vigili del fuoco

Pubblicato 4 settimane fa

Intimidazione a Palma di Montechiaro ai danni di una struttura ricettiva – villaggio vacanze Residence Gattopardo – sita nella zona del Castello in località Capreria.

Sul cancello della struttura ricettiva è stato collocato un cartello con la scritta “boom” posta sotto il disegno di una croce vergata con una bomboletta spray rossa. Solo più tardi si è saputo che oltre al cartello c’era un ordigno (pare un residuato bellico della Seconda guerra mondiale) che è stato prelevato dagli artificieri dei carabinieri e successivamente fatto brillare. A fare la scoperta è stato l’imprenditore 30enne che gestisce la struttura.

Carabinieri di Palma, i primi ad arrivare, e Vigili del fuoco hanno poi fatto un sopralluogo per controllare palmo per palmo l’area e bonificarla. Sul luogo del rinvenimento del messaggio intimidatorio sono state presenti decine e decine di curiosi.

Le indagini sono state prontamente avviate e si sta cercando di capire la matrice dell’atto intimidatorio.

La struttura ricettiva – appartamenti, mini appartamenti da affittare –  era chiusa da tempo ma per stasera nei suoi locali è previsto il tradizionale veglione di Capodanno che ha fatto registrare centinaia e centinaia di prenotazioni.

La festa di fine anno, terminati i controlli ad opera di artificieri dei carabinieri e Vigili del fuoco, per volontà degli organizzatori (imprenditori palmesi che hanno preso in affitto la struttura) si terrà regolarmente.

La Procura della Repubblica di Agrigento prontamente avvertita sta seguendo con la massima attenzione l’evoluzione dell’intera vicenda.

Già in passato, e sin dal sorgere della struttura ricettiva, il residence è stato preso di mira da ignoti intimidatori che per ben tre volte e in maniera differente sono entrati in azione lanciando messaggi minacciosi: prima, una dozzina di colpi di pistola vennero sparati contro il prospetto esterno; poi venne fatta rinvenire  una testa di pecora con un proiettile conficcato infine venne fatta trovare una gallina morta con la testa mozzata.

Sulla vicenda è intervenuto il sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino.

“Il Bene deve trionfare sempre – dice il primo cittadino -A nome personale e di tutta la Città condanna il vile ed inqualificabile gesto, e ribadisce ancora una volta che il Bene Vince Sempre. Ringrazio di vero cuore le forze dell’ordine tutte, in particolare, I Carabinieri della Stazione di Palma, il Comando di Licata, il Nucleo Operativo Radiomobile, gli artificieri, che hanno prontamente agito e ripristinato le condizioni di totale sicurezza. Ed ancora la Polizia di Stato per la collaborazione istituzionale affinché tutto questa sera andasse avanti.  Grazie ai Vigili del Fuoco ed agli operatori del 118, per la loro collaborazione. Le Istituzioni unite ed in sinergia agiscono a tutela delle persone oneste e dimostrano la forte presenza dello Stato. Grazie di cuore, altresì, alla Polizia Municipale ed al Responsabile Protezione Civile per essere sempre presenti. Agli Organizzatori ed a tutti i giovani e meno giovani di godersi totalmente l’evento di stanotte, in piena sicurezza, per accogliere con Gioia il Nuovo Anno”.

In aggiornamento

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18:15
18:38 - Mafia, indagata l’ex amante di Matteo Messina Denaro +++17:41 - Operatori Asacom di Palma di Montechiaro senza stipendio, il Pd: “si trovi una soluzione” +++17:24 - Incidente sul lavoro, cade dal tetto di un edificio e muore +++17:21 - Trasportava 230kg marijuana ma non lo sapeva, assolto autista  +++17:17 - Unikore, Salerno confermato presidente: Tomasello nuovo rettore +++17:10 - Auto, alla scuderia RO racing arriva Alessandro Gabrielli +++16:46 - Agrigento, svolgeva attività privata: medico dovrà risarcire Asp con 75 mila euro  +++16:43 - Mafia e Stidda nell’agrigentino, confermate misure cautelari per 5 indagati   +++15:14 - Avvelenò il marito, confermata la condanna a 30 anni +++15:08 - “Polis” di Poste italiane, all’evento 27 primi cittadini dalla provincia di Agrigento +++
18:38 - Mafia, indagata l’ex amante di Matteo Messina Denaro +++17:41 - Operatori Asacom di Palma di Montechiaro senza stipendio, il Pd: “si trovi una soluzione” +++17:24 - Incidente sul lavoro, cade dal tetto di un edificio e muore +++17:21 - Trasportava 230kg marijuana ma non lo sapeva, assolto autista  +++17:17 - Unikore, Salerno confermato presidente: Tomasello nuovo rettore +++17:10 - Auto, alla scuderia RO racing arriva Alessandro Gabrielli +++16:46 - Agrigento, svolgeva attività privata: medico dovrà risarcire Asp con 75 mila euro  +++16:43 - Mafia e Stidda nell’agrigentino, confermate misure cautelari per 5 indagati   +++15:14 - Avvelenò il marito, confermata la condanna a 30 anni +++15:08 - “Polis” di Poste italiane, all’evento 27 primi cittadini dalla provincia di Agrigento +++