Agrigento

Corruzione, prorogato sequestro beni all’ex patron di Girgenti Acque

Il sequestro è stato eseguito dalla Dia nel novembre del 2022

Pubblicato 2 settimane fa

Prorogato per altri sei mesi il sequestro dei beni dell’ex patron di Girgenti Acque, Marco Campione. Lo hanno deciso i giudici della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo davanti al quale è in corso il procedimento per discutere sulla confisca ovvero la definitiva acquisizione da parte dello Stato.

Il provvedimento è stato emesso a margine dell’ultima udienza nella quale è stato sentito il perito che ha risposto alle domande dei giudici, del Procuratore di Agrigento, Salvatore Vella, e del pool di legali dell’imprenditore. Il sequestro è stato eseguito dalla Dia nel novembre del 2022 e ha interessato 2 società e la partecipazione in altre 6 società tra le quali proprio Girgenti Acque (oggi fallita); 9 beni immobili; 26 beni mobili e 38 rapporti finanziari.

Il quadro indiziario avrebbe provato la pericolosità sociale come presupposto del sequestro. Campione è stato rinviato a giudizio nell’ambito dell’operazione “Waterloo” che ipotizza l’esistenza di una vasta rete di protezione istituzionale e politica messa in piedi dall’imprenditore in grado – sostiene l’accusa – di comprare chiunque con i posti di lavoro del colosso che gestiva il servizio idrico.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *