Agrigento

Protezione civile Agrigento, ok all’utilizzo di un drone per emergenze e incendi

La Protezione Civile del Libero Consorzio Comunale di Agrigento si dota di un drone per interventi più diretti, rapidi ed efficac

Pubblicato 7 mesi fa

La Protezione Civile del Libero Consorzio Comunale di Agrigento si dota di un drone per interventi più diretti, rapidi ed efficaci. L’apparecchiatura, presentata questa mattina al Commissario del Libero Consorzio Raffaele Sanzo, infatti, renderà più agevole il monitoraggio a distanza laddove la conformazione morfologica dei luoghi non lo dovesse consentire.

Il controllo da remoto con il drone sarà effettuato in diversi ambiti di competenza della Protezione Civile, monitoraggio punti critici, ricerca persone scomparse, segnalazione incendi e in supporto alle altre componenti del sistema di protezione civile. “L’obiettivo di questo acquisto è quello di dotare la Protezione civile di uno strumento necessario alle molteplici attività svolte sul territorio – spiega il dirigente del Settore Achille Contino”.  A guidare il drone della protezione civile saranno di volta in volta, tre piloti certificati ENAC, il Geologo Marzio Tuttolomondo, responsabile dell’ufficio di Protezione civile dell’ex Provincia di Agrigento e gli operatori Pietro Butera e Gerlando Picone.

L’utilizzo dei droni permette di lavorare con maggiore sicurezza in situazioni di emergenza, con un notevole risparmio economico. L’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha emanato un regolamento rivolto a tutti gli operatori professionali, aziende e amministrazioni pubbliche che effettuano “operazioni specializzate” con i droni affinché gli operatori siano iscritti in un elenco e il volo avvenga su aree autorizzate e rappresentate su mappe tematiche di sintesi su d-fligt sulla base della normativa vigente emanata da Enac. Il Libero Consorzio Comunale di Agrigento è una delle prime fra le amministrazioni italiane ad essere iscritta all’elenco degli operatori autorizzati da Enac e ad avere piloti “certificati” alla guida del dispositivo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *