Connect with us
Canicattì

Canicattì, apertura straordinaria della Casa Museo Giudice Livatino

La casa sarà aperta sabato 31 dicembre dalle 9 alle 19

Pubblicato 1 mese fa

Apertura straordinaria della Casa Museo Giudice Livatino. La casa aprirà le porte, senza obbligo di prenotazione, sabato 31 dicembre dalle 9 alle 19. Sarà l’occasione, anche l’ultimo giorno dell’anno, di conoscere più da vicino il luogo dove visse il giudice, divenuto negli anni una tappa simbolo di giustizia e fede. Per l’occasione sarà possibile iscriversi anche all’associazione per l’anno 2023.

La casa del Giudice Rosario Livatino è il luogo fisico in cui ha edificato i suoi valori. Rosario Livatino, sostenuto e protetto dai genitori, è cresciuto nel cuore di Canicattì in provincia di Agrigento. Dal 21 settembre 1990 a oggi la sua casa è rimasta immutata per volere dei genitori e successivamente degli eredi. Ubicata in via Regina Margherita 166, costituisce un tessera del mosaico dell’antica Canicattì. Nella dimora della famiglia Livatino e soprattutto nella camera-studio di Rosario si percepisce, ancora oggi, il suo spirito e la sua tempra fortificata dalla sua fede in Dio. Tra i vari libri, codici, riviste e film in VHS è possibile comprendere quali fossero i suoi interessi: ispirati ai principi di giustizia e cristianità con un pizzico di sano umorismo. L’ordine schematico dei propri effetti e la semplicità della sua camera ci lasciano immaginare come i suoi ideali fossero ben chiari al suo pensiero e palesemente netta fosse la distinzione tra bene e male. Visitare la casa di Rosario Livatino è un’esperienza che lascia il segno perché forti sono le emozioni che ne scaturiscono.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11:57
12:27 - Mafia, revocata libertà vigilata all’empedoclino Fabrizio Messina  +++11:43 - Mafia: perquisita casa dell’ex amante di Messina Denaro +++11:42 - Lampedusa, torture e immigrazione clandestina: 5 fermi +++11:39 - Ambiente: Palermo e Catania tra le 12 città più inquinate, meglio Agrigento ed Enna +++11:02 - Palagonia, uccise lo zio ma non per legittima difesa: nipote finisce in carcere +++10:53 - Favara, finanziamento per la costruzione di una nuova mensa per la scuola “San Domenico Savio” +++10:49 - Furti di auto in centro città: arrestati sei giovani +++10:44 - Aiuti al comparto agricolo, la sezione Lega di Licata: “ottimo risultato” +++10:37 - Sorpreso a rubare pedane da un ponteggio: arrestato +++10:30 - Il pizzaiolo riberese Rafti torna a Casa Sanremo +++
12:27 - Mafia, revocata libertà vigilata all’empedoclino Fabrizio Messina  +++11:43 - Mafia: perquisita casa dell’ex amante di Messina Denaro +++11:42 - Lampedusa, torture e immigrazione clandestina: 5 fermi +++11:39 - Ambiente: Palermo e Catania tra le 12 città più inquinate, meglio Agrigento ed Enna +++11:02 - Palagonia, uccise lo zio ma non per legittima difesa: nipote finisce in carcere +++10:53 - Favara, finanziamento per la costruzione di una nuova mensa per la scuola “San Domenico Savio” +++10:49 - Furti di auto in centro città: arrestati sei giovani +++10:44 - Aiuti al comparto agricolo, la sezione Lega di Licata: “ottimo risultato” +++10:37 - Sorpreso a rubare pedane da un ponteggio: arrestato +++10:30 - Il pizzaiolo riberese Rafti torna a Casa Sanremo +++