Connect with us
Giudiziaria

Assenteismo al comune di Palma di Montechiaro, chieste 16 condanne

Chiesta la condanna di 16 dipendenti del comune di Palma di Montechiaro

Pubblicato 2 settimane fa

Il sostituto procuratore della Repubblica, Cecilia Baravelli, al termine della requisitoria ha avanzato una richiesta di condanna nei confronti di 16 impiegati del comune di Palma di Montechiaro accusati di assentarsi dal posto di lavoro. Il pubblico ministero ha anche richiesto l’assoluzione per altre quattro persone. L’accusa è di truffa per essersi allontanati arbitrariamente dal posto di lavoro per sbrigare faccende personali.

Le richieste di pena più alte sono state proposte nei confronti di Salvatore Di Vincenzo, 58 anni, Ignazio Falsone, 72 anni, Fabio Marino, 55 anni e Giuseppe Rumè, 66 anni; un anno e 5 mesi per Salvatore Salvatore Castellino, 60 anni. 

Un anno e tre mesi di reclusione, invece, sono stati chiesti nei confronti di: Grazia Arcadipane, 57 anni; Matteo Bordino, 65 anni; Renato Castronovo, 69 anni; Maria Collura, 60 anni; Giuseppe Calogero Petrucci, 61 anni, Anna Provenzani, 57 anni e Silvana Cancialosi, 58 anni. E poi ancora: un anno e 10 mesi per Gioacchino Angelo Palermo, 63 anni e un anno ciascuno per Vittorio Inguanta, 69 anni, Rosario Salerno, 61 anni e Rosario Zarbo, 57 anni.

Quattro gli imputati per i quali l’accusa ha invece chiesto l’assoluzione: Calogero Mario Di Caro, 64 anni, Concetta Maria Di Vincenzo, 54 anni; Francesco Lo Nobile, 72 anni, e Baldassare Zinnanti, 69 anni. Per il pubblico ministero, infatti, “gli allontanamenti dal posto di lavoro sono stati chiariti con motivazioni di servizio o sono stati ritenuti di modesta entità e, quindi, inoffensivi”.

L’inchiesta, coordinata dalla Procura di Agrigento ed eseguita dai carabinieri di Palma di Montechiaro, risale al 2016. L’indagine portò alla sospensione di 11 dipendenti e all’iscrizione nel registro degli indagati di 24 persone. Tra questi c’era chi entrava alle 8 e esce appena un’ora e quaranta minuti dopo, senza peraltro farvi più ritorno e senza timbrare il cartellino. C’era l’impiegata che timbrava il cartellino, risaliva in auto, e se ne andava. E c’è anche chi risultava regolarmente al lavoro ma in realtà era al bar.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

07:31
08:13 - Agrigento, scarica pannelli solari senza autorizzazione: multata una ditta +++08:07 - Grotte, rubati venti bidoni di olio da un magazzino: indagini +++07:59 - La sentenza “Xydi” rilancia la lotta a Cosa nostra +++07:58 - Agrigento: rubano soldi, pc e cellulare da negozio: due denunce  +++07:50 - Agrigento, colpi di sedia in centro di accoglienza per usare il bagno: donna in ospedale +++07:43 - Covid, La Rocca Ruvolo: “Spropositati costi e personale negli hub vaccinali” +++19:17 - La figlia di Totò Cuffaro diventa magistrato: “Il suo successo sconfigge la mia sconfitta” +++18:22 - Caltanissetta, ragazzino picchiato davanti la scuola: indagini +++17:37 - “L’eredità di Falcone e Borsellino”:  una mostra contro gli indifferenti +++17:35 - Spara e uccide l’ex della fidanzata, condannato a 18 anni +++
08:13 - Agrigento, scarica pannelli solari senza autorizzazione: multata una ditta +++08:07 - Grotte, rubati venti bidoni di olio da un magazzino: indagini +++07:59 - La sentenza “Xydi” rilancia la lotta a Cosa nostra +++07:58 - Agrigento: rubano soldi, pc e cellulare da negozio: due denunce  +++07:50 - Agrigento, colpi di sedia in centro di accoglienza per usare il bagno: donna in ospedale +++07:43 - Covid, La Rocca Ruvolo: “Spropositati costi e personale negli hub vaccinali” +++19:17 - La figlia di Totò Cuffaro diventa magistrato: “Il suo successo sconfigge la mia sconfitta” +++18:22 - Caltanissetta, ragazzino picchiato davanti la scuola: indagini +++17:37 - “L’eredità di Falcone e Borsellino”:  una mostra contro gli indifferenti +++17:35 - Spara e uccide l’ex della fidanzata, condannato a 18 anni +++