Giudiziaria

Frode all’Unione Europea sui terreni agricoli, sequestrati 200 mila euro

L’amministratore della società agricola aveva indicato terreni di proprietà del Demanio della Regione Siciliana in realtà mai concessi

Pubblicato 5 giorni fa



I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina, a conclusione di una complessa indagine coordinata dalla Procura Europea alla sede di Palermo – E.P.P.O. (European Public Prosecutor’s Office), hanno segnalato un soggetto ritenuto responsabile dell’indebita percezione di finanziamenti comunitari nell’ambito della politica agricola comune ed eseguito un decreto di sequestro preventivo ai fini della confisca, del valore di circa 200 mila euro.

I pagamenti della Politica Agricola Comune, interamente finanziati dalla U.E., costituiscono importanti forme di sostegno a tutela del mondo agrario, contribuendo a migliorare il quadro socio-economico degli operatori di settore, favorire condizioni di benessere e crescita produttiva nonché accelerare processi di miglioramento ed efficientamento aziendale, anche attraverso mirate misure di carattere logistico – strutturale. Per accedere a questi benefici, l’imprenditore agricolo deve, tuttavia, dimostrare il regolare possesso di un’adeguata superficie coltivabile o destinata al pascolo.

L’attività di polizia economico-finanziaria eseguita dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Capo d’Orlando ha disvelato una truffa posta in essere dall’amministratore di una società agricola in pregiudizio del F.E.A.G.A. (Fondo Europeo Agricolo di Garanzia) e del F.E.A.S.R. (Fondo Europeo Agricolo Sviluppo Rurale) che, nelle campagne dal 2017 al 2021, aveva introitato risorse comunitarie non spettanti per un importo totale di circa 190 mila euro, oggi sottoposti a sequestro. 

L’amministratore della società agricola, attraverso molteplici stratagemmi, aveva indicato nelle Domande Uniche di Pagamento inoltrate all’Ente pagatore – A.G.E.A., terreni di proprietà del Demanio della Regione Siciliana in realtà mai concessi, terreni di proprietà di soggetti totalmente ignari, nonché terreni contrattualmente destinati al “pascipascolo”, fattispecie che normativamente non consente di richiedere contributi.

In considerazione dei gravi elementi indiziari raccolti, l’amministratore della società agricola è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato, e la società è stata segnalata per gli aspetti concernenti la responsabilità degli enti per illecito amministrativo dipendente da reato. Di qui l’esecuzione dell’odierno provvedimento di misura cautelare reale delle somme di denaro e dei beni immobili, corrispondente al provento illecitamente introitato. 

L’attività portata a termine dalle Fiamme Gialle peloritane testimonia, ancora una volta, l’efficacia del presidio preventivo, repressivo e sanzionatorio a tutela dell’utilizzo trasparente ed efficiente dei finanziamenti comunitari e nazionali e a sostegno della crescita produttiva, della leale concorrenza e dello sviluppo economico dei paesi membri dell’Unione Europea, confermando la sinergica e proficua collaborazione tra l’Ufficio della Procura Europea e la Guardia di Finanza.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *