Giudiziaria

“Truffa all’Unione Europea”, 4 imprenditori condannati

L'indagine accertò che con i fondi europei erano stati avviati lavori di ristrutturazione in un istituto scolastico ma molte opere erano rimaste sulla carta e non erano mai state effettuate

Pubblicato 2 mesi fa

 Il gup di Palermo ha condannato a 2 anni e 8 mesi ciascuno, in abbreviato, gli imprenditori Antonio Falcone, Emanuele Capizzello, Giulia Savì e Gioacchino Gabriele Falcone. Erano stati coinvolti in una inchiesta della sezione siciliana della Procura Europea, coordinata dai pm Gery Ferrara e Amelia Luise, per truffa aggravata all’Ue e violazione della legge sui subappalti.

L’indagine accertò che con i fondi europei erano stati avviati lavori di ristrutturazione nell’Istituto scolastico Alessandro Volta di Palermo, ma molte opere da realizzare erano rimaste sulla carta e non erano mai state effettuate. Emanuele Capizzello, Antonio e Gioacchino Gabriele Falcone erano finiti ai domiciliari.

Il gup ha anche condannato a versare 54mila euro le due società coinvolte. Secondo gli inquirenti gli imputati, nell’esecuzione dei lavori, usando i cosiddetti subappalti a cascata e false fatturazioni, attraverso il risparmio o il mancato utilizzo di materiale o addirittura la mancata o incompleta realizzazione delle opere contabilizzate, avrebbero intascato ingiusti profitti. Diverse le irregolarità accertate: dalle porte antincendio installate su telai non conformi, ai bagni senza massetto, a differenza di quanto previsto dal progetto e dalla fattura di pagamento.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *