I sintomi del virus Covid-19

Redazione

IN EVIDENZA

I sintomi del virus Covid-19

di Redazione
Pubblicato il Apr 24, 2020
I sintomi del virus Covid-19

In Italia ormai da alcune settimane siamo nel pieno di un’importante emergenza sanitaria, causata dalla rapida ed estesa diffusione di un virus. Si tratta del Covid-19, così chiamato in quanto si tratta di un coronavirus isolato per la prima volta verso la fine del 2019. Il governo è stato costretto a fermare l’intero paese, sia dal punto di vista produttivo che da quello sociale. La distanza fisica tra le persone è infatti la prima barriera alla diffusione del virus. Fortunatamente i sintomi sono abbastanza facili da individuare; chiunque li avvertisse è invitato a non recarsi presso il pronto soccorso del luogo in cui vive, quanto piuttosto a contattare appositi numeri di emergenza.
Il covid 19 si manifesta con sintomi tipici, correlati al fatto che la malattia colpisce di preferenza, soprattutto inizialmente, il sistema respiratorio. Il primo sintomo, quello più classico e diffuso in buona parte dei malati sintomatici, è la febbre, che spesso si presenta decisamente alta. Oltre a questo è tipico manifestare anche stanchezza e spossatezza così come sintomi di tipo respiratorio, soprattutto tosse secca, che permane a lungo nel tempo. Oltre a questi sintomi iniziali molti soggetti manifestano quelli che potrebbero essere scambiati con i sintomi di un brutto raffreddore stagionale, quali naso che cola, dolori muscolari, mal di gola, congestione nasale. Alcuni pazienti mostra anche problematiche a livello enterico, con dissenteria o problemi intestinali di vario genere. 

I soggetti paucisintomatici o asintomatici
Ormai nel mondo varie centinaia di migliaia di soggetti sono state infettate dal virus, cosa certificata da un tampone naso faringeo. Ad oggi quindi è possibile avere un chiaro panorama della sintomatologia, sia per i casi più gravi, sia per quelli meno gravi. Un numero importante di soggetti è affetto da Covid-19, pur senza aver alcun tipo di sintomo. Quindi non presentano febbre, raffreddore o problemi intestinali, eppure sono infetti e possono trasmettere la malattia ad altri. Alcuni soggetti mostrano esclusivamente l’assenza di olfatto e di gusto, un disturbo facile da evidenziare, che a volte colpisce anche i pazienti sintomatici.

La sintomatologia più grave
Tra le problematiche principali correlate alla diffusione del virus vi è l’aggravarsi, rapido o lento a seconda dei casi, di alcuni pazienti sintomatici. La tosse secca e la febbre possono infatti manifestarsi per diversi giorni, in alcuni soggetti per settimane, per poi portare a un rapido deterioramento dello stato di salute del soggetto, fino al sopraggiungere di polmonite e di sindrome respiratoria acuta grave, che può portare anche alla morte. Alcuni pazienti soffrono, o hanno sofferto, anche di insufficienza renale o di problematiche correlate al sistema cardio circolatorio. Purtroppo non è ancora possibile comprendere quali siano i fattori che portano un soggetto a presentare sintomi molto più gravi; in linea generale sono a maggiore rischio i soggetti immunodepressi, con malattie pregresse di tipo cronico, soprattutto se gravi, e i soggetti ipertesi, con problemi cardiaci e diabete. Sono particolarmente a rischio anche coloro che hanno un’età avanzata, soprattutto se superiore ai 75 anni.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 34513 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings