Castrofilippo, turbativa d’asta in favore di Cosa Nostra: chiesta condanna per Manzone

Redazione

Mafia

Castrofilippo, turbativa d’asta in favore di Cosa Nostra: chiesta condanna per Manzone

di Redazione
Pubblicato il Lug 9, 2019
Castrofilippo, turbativa d’asta in favore di Cosa Nostra: chiesta condanna per Manzone

Il sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo Maria Teresa Maligno ha chiesto la condanna a cinque anni di reclusione nei confronti di Vincenzo Manzone, 76 anni, ex capo dell’ufficio tecnico del Comune di Castrofilippo, accusato di turbativa d’asta con l’aggravante di aver favorito aziende in odor di mafia.

Il pm ha illustrato l’atto di accusa nei confronti dell’ex dirigente al termine della requisitoria davanti i giudici della prima sezione penale del Tribunale di Agrigento presieduta da Alfonso Malato con a latere i giudici Giuseppe Zampino e Katia La Barbera. 

L’imputato, difeso dall’avvocato Antonino Gaziano, ha deciso di non sottoporsi all’esame né rilasciare dichiarazioni spontanee. Contestati tre episodi dei quali uno però risulta essere caduto in prescrizione: due lavori di manutenzione stradale ed il completamento di un centro diurno. A tirar in ballo l’ex dirigente dell’Ufficio Tecnico sono i collaboratori di giustizia Maurizio Di Gati, già capo di Cosa Nostra agrigentina, e l’ex consigliere comunale di Naro e braccio destro di Giuseppe Falsone, Giuseppe Sardino. 



Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04