Mafia, Paolo Borsellino: “Scortato la mattina, libero di essere ucciso la sera” (audio)

Redazione

Apertura

Mafia, Paolo Borsellino: “Scortato la mattina, libero di essere ucciso la sera” (audio)

di Redazione
Pubblicato il Lug 16, 2019
Mafia, Paolo Borsellino: “Scortato la mattina, libero di essere ucciso la sera” (audio)

Con l’operazione di desecretazione delle audizioni dal 1963 al 2001 portata avanti dalla Commissione Antimafia, oggi, sono stati resi noti i primi documenti inediti riguardanti Paolo Borsellino.

In particolare “una sua audizione”, ha spiegato il presidente della commissione antimafia Nicola Morra, “datata 1984 e registrata in quel di Palermo, quando la commissione Antimafia fece visita alla città siciliana. All’epoca Borsellino era giudice istruttore”.

In uno dei passaggi dell’audizione, Borsellino, a proposito del personale ausiliario, spiegava: “Non si tratta solo di dattilografi e segretari, dei quali dovremmo poter avere garantita la presenza per tutto l’arco della giornata. Lo stesso discorso vale per gli autisti giudiziari, perchè buona parte di noi, nonostante la mattina con strombazzamento di sirene, viene accompagnato in ufficio con scorte e macchine blindate, il pomeriggio non lo puo’ fare perche’ di macchina blindata ce ne è una soltanto e non può andare a raccogliere 4 colleghi”.

Per cui, continua Borsellino, “io sistematicamente il pomeriggio vado in ufficio con la mia macchina e rientro a casa alle 9 e alle 10 di sera. La libertà la riacquisto, però non vedo che senso abbia – era la denuncia del magistrato Antimafia – perdere la libertà la mattina per poi essere libero di esser ucciso la sera”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04