Sciacca, armi nascoste anche nei calzini: inflitti altri 4 mesi a pensionato

Redazione

PRIMO PIANO

Sciacca, armi nascoste anche nei calzini: inflitti altri 4 mesi a pensionato

di Redazione
Pubblicato il Lug 19, 2019
Sciacca, armi nascoste anche nei calzini: inflitti altri 4 mesi a pensionato

Condanna a 4 mesi di reclusione, in abbreviato, in continuazione la precedente sentenza, divenuta definitiva, che gli aveva inflitto 3 anni e 8 mesi di reclusione per detenzione illegale di armi.

E’ questo quanto disposto nei confronti di Vito Gennaro, 85 anni, nell’ultimo processo che lo ha visto alla sbarra.

Durante un blitz, condotto con unità cinofile e metal detector, i militari trovarono 12 pistole semiautomatiche e revolver, un fucile di fabbricazione artigianale ed oltre 400 cartucce.

Di fatto lo stavano pedinando già da qualche mese i Carabinieri della Compagnia di Sciacca, che avevano notato degli strani incontri tra l’uomo 80 enne ed alcuni soggetti di interesse operativo. Ma a tutto pensavano, fuorchè di trovare nel corso del blitz  all’interno della sua abitazione, un arsenale di pistole e munizioni nascosto nei luoghi più impensabili. L’operazione, frutto di una intensa attività informativa sviluppata sul territorio saccense, è stata portata a termine all’alba, da una dozzina di Carabinieri che hanno fatto irruzione nel domicilio dell’anziano e durante la perquisizione, svolta con unità cinofile e metal detector, sono saltate fuori 12 Pistole di vari calibri, revolver e semiautomatiche, tra cui alcune con matricola abrasa, un fucile di fabbricazione artigianale, oltre 400 cartucce e dispositivi per la pulizia e manutenzione delle armi.

Le pistole erano nascoste in vari punti della casa, alcune dentro dei calzini, altre  dentro un paio di stivali ed altre ancora all’interno di un barattolo di vernice.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04