Siculiana, imprenditore accusato di estorsione, due testi lo scagionano

Redazione

| Pubblicato il martedì 12 Marzo 2019

Siculiana, imprenditore accusato di estorsione, due testi lo scagionano

di Redazione
Pubblicato il Mar 12, 2019

Nuova udienza del processo a carico dell’imprenditore di Siculiana Antonino Gagliano, 50 anni, accusato di estorsione aggravato dal metodo mafioso. In particolare, secondo l’accusa, Gagliano si sarebbe reso protagonista di due tentativi di estorsione: il primo riguardante delle forniture di calcestruzzo per delle opere di sbancamento; la seconda, nel maggio 2012, per la realizzazione di alcuni alloggi a Porto Empedocle. 

In aula sono comparsi, chiamati dalla difesa rappresentata dall’avvocato Calogero Meli, due testi, un operaio e un geometra, che hanno di raccontato come non esistesse una “gonfiatura” delle fatture del calcestruzzo per celare una richiesta di pizzo ma che, l’incremento della fornitura, è dipesa dalla rottura di una pompa e di una variante effettuata sugli angoli che ha fatto crescere la cubatura. 

Ripartito ieri il processo che vede alla sbarra l’imprenditore

di Redazione
Pubblicato il Mar 12, 2019


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl