Ribera

Incendio all’ospedale a Ribera, Ugl chiede più sicurezza

Lo afferma Gianluca Giuliano, segretario nazionale della UgL Salute

Pubblicato 2 mesi fa

“La tragedia avvenuta all’interno dell’ospedale “Fratelli Parlapiano” di Ribera, in provincia di Agrigento, è gravissima. Un paziente in seduta di ossigenoterapia è deceduto innescando un incendio per aver acceso una sigaretta durante una seduta di ossigenoterapia. Un evento che pone l’accento sulla sicurezza all’interno dei nosocomi italiani”. Lo afferma Gianluca Giuliano, segretario nazionale della UgL Salute.

“Un’intera ala del nosocomio agrigentino è stata dichiarata inagibile e le conseguenze avrebbero potuto essere ancor più gravi. Dopo il drammatico rogo nell’ospedale di Tivoli era stata approvata una risoluzione unitaria, in commissione Affari sociali, Sanità e Lavoro del Senato, che ha impegnato il Governo alla messa a norma del patrimonio sanitario pubblico con particolare attenzione allo stato degli immobili. Troppe strutture ospedaliere non rispondono a criteri di messa in sicurezza per incendi o eventi sismici”, prosegue. “Bisogna accelerare le verifiche sull’intero territorio nazionale per l’ammodernamento e la messa in regola dell’edilizia sanitaria così da assicurare la massima sicurezza per operatori sanitari, pazienti e chiunque frequenti gli ospedali”, sottolinea.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *