Sambuca di Sicilia

Turismo 4.0, al via il progetto “Sambuca Welcoming”

Il progetto si fonda sul concept dell'accoglienza attraverso 5 parole chiave: Sostenibilità, Memoria, Arte, Rigenerazione, Territorio.

Pubblicato 5 mesi fa

L’evento inaugurale di presentazione del progetto “Sambuca Welcoming. A Smart Community Village tra tradizione e innovazione” si terrà lunedì 9 ottobre a partire dalle ore 18.00 a Palazzo Panitteri a Sambuca di Sicilia.

Si tratta di un altro passo in avanti per il borgo verso la valorizzazione degli spazi pubblici urbani e la loro fruizione da parte di cittadini e visitatori. Il progetto Sambuca Welcoming, voluto fortemente dall’amministrazione comunale della città eletta “Borgo dei Borghi 2016”, si fonda sul concept dell’accoglienza attraverso 5 parole chiave: Sostenibilità, Memoria, Arte, Rigenerazione, Territorio.

Il progetto comprende tra le sue azioni la realizzazione di opere infrastrutturali di valorizzazione della “Strata Granni” (l’attuale Corso Umberto I), la creazione di spazi multimediali e la digitalizzazione del patrimonio culturale lungo lo storico asse viario, la progettazione di un’offerta culturale e turistica integrata sul territorio fruibile attraverso sistemi innovativi digitali, e una piattaforma web che incentiverà l’incoming nel borgo.

Non mancheranno eventi, itinerari culturali, esperienze sul territorio che entreranno a far parte dell’offerta permanente di Sambuca di Sicilia, offrendo nuove opportunità lavorative e rivitalizzando il tessuto sociale del borgo.

Nel corso dell’evento inaugurale sarà presentato il progetto della prima Residenza Artistica della coppia di artisti Karl Logge (dall’Australia) e Martina Romani (dall’Italia), risultato vincitore della open call tra più di 130 candidature pervenute da tutto il mondo.

Gli artisti animeranno il borgo fino alla prima settimana di novembre col loro progetto di Textile Art “Acchiappa Segni. Spin Lab + Land Weave” che, partendo da segni, tracce e simboli emblematici del territorio intorno a Sambuca di Sicilia, li rivitalizza attraverso i processi artistici essenziali e fondamentali della filatura e della tessitura per connettere comunità, tempo, memoria, paesaggio, pensiero.

Il progetto è stato selezionato dal Ministero tra gli interventi finalizzati alla riqualificazione e valorizzazione turistico-culturale dei Comuni delle Regioni del Mezzogiorno.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *