Sicilia, firmato il nuovo contratto dei regionali

Redazione

Sicilia

Sicilia, firmato il nuovo contratto dei regionali

di Redazione
Pubblicato il Gen 28, 2019
Sicilia, firmato il nuovo contratto dei regionali

“Dopo 12 anni di attesa arriva la firma della pre-intesa sul contratto dei regionali del comparto non dirigenziale per il periodo 2016-2018. E’ un risultato storico, raggiunto nel giro di pochi mesi”. Esprime soddisfazione la Fp Cgil Sicilia che afferma: “con il nuovo contratto estesi i diritti anche a questa importante fetta di  dipendenti, in particolare su permessi e congedi per i quali vengono introdotti tutele importanti, sia per l’espletamento di visite, terapie ed esami diagnostici, sia per donne vittime di violenza alle quali, dopo i tre mesi  previsti dalla legge, il contratto garantirà altri tre mesi di aspettativa. Si estendono, inoltre, le norme sul diritto allo studio – aggiungono il segretario generale, Gaetano Agliozzo, la segretaria regionale, Clara Crocè, e il coordinatore regionale del comparto. Franco Campagna – includendo i lavoratori  con contratto a tempo determinato”. Le Organizzazioni sindacali  hanno sottoscritto una dichiarazione  congiunta per le elezioni delle RSU.  “Un diritto – sottolineano – da sempre negato ai dipendenti regionali. Il nuovo contratto, infatti,  rafforza  la   contrattazione, soprattutto quella legata al posto di lavoro.  Pertanto è necessario e imprescindibile il ruolo negoziale dalla RSU. Grazie agli incrementi contrattuali,  a regime i dipendenti regionali godranno di un aumento di oltre 90 euro in busta paga, al netto dell’indennità della vacanza contrattuale  che viene conglobata  nel tabellare. Gli aumenti decorrono dal primo gennaio 2016. Adesso daremo avvio alla consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto” – osservano ancora Agliozzo, Crocè e Campagna che poi concludono: “ora subito al lavoro il Tavolo tecnico, convocato per il primo febbraio,  che dovrà produrre in tempi rapidi il corretto inquadramento e le nuove regole per le progressioni delle professionalità e delle competenze”.

“Un risultato straordinario – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci – con il quale restituiamo valore all’impegno dei lavoratori. In meno di un anno dall’accantonamento delle risorse e dalle direttive impartite dal Governo si e’ arrivati alla firma”.

Il nuovo contratto prevede: DECORRENZA Riallineamento del Contratto regionale a quelli nazionali per il periodo 2016-2018, tenuto conto che il blocco dei rinnovi contrattuali in Regione e’ stato superiore di un biennio rispetto agli altri settori pubblici. INCREMENTI RETRIBUTIVI – Incremento delle retribuzioni a regime dal primo gennaio 2018 del 3,48% in linea con i rinnovi contrattuali di tutto il pubblico impiego (Stato – Enti Locali – Sanita’). RIPARTIZIONE RISORSE Nonostante il maggior periodo di blocco contrattuale subito rispetto agli altri settori pubblici, gli incrementi non sono stati destinati in tutto agli aumenti tabellari (come avvenuto nei ministeri).


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04