Cavalleria Rusticana e Pagliacci insieme al Verdura di Palermo (ft,vd)

Irene Milisenda

Palermo

Cavalleria Rusticana e Pagliacci insieme al Verdura di Palermo (ft,vd)

Pubblicato il Ago 8, 2019
Cavalleria Rusticana e Pagliacci insieme al Verdura di Palermo (ft,vd)

Grandi applausi al Teatro Verdura di Palermo per l’opera “Cavalleria Rusticana” e “Pagliacci”, tradizionale dittico verista su musiche di Pietro Mascagni e Ruggero Leoncavallo, inserita all’interno del cartellone del “Mytohs Opera Festival”. 

Due opere da sempre accoppiate, due opere gemelle, da un lato la schietta vicenda di passione, gelosia e tradimento, che si conclude con un delitto d’onore, e dall’altro lato realtà e finzione in “Pagliacci” dove i clown sono costretti a far ridere in una situazione in cui non c’è nulla da ridere. 

L’opera in un unico atto è stata curata in ogni dettaglio musicale e coreografico dal registra Roberto Cresca, che per l’occasione ha anche interpretato “Canio” in Pagliacci. “Ho voluto mettere in evidenza la dimensione intima e onirica del dramma, dove sogno, immaginazione e realtà si mischiano”, ha sottolineato il regista Cresca, che per   ‘Pagliacci’ ha pensato di rendere omaggio a  Federico Fellini, regista recentemente scomparso. 

Ad aprire la serata i saluti della nipote di Pietro Mascagni, Maria Teresa, che ha dichiarato: “mi fa tanto piacere essere presente a Palermo, al Verdura, ed assistere ancora una volta alla rappresentazione di Cavalleria Rusticana, che ho visto tante volte, ma ogni volta mi lascia  un’emozione diversa”. 

In scena anche il Coro lirico mediterraneo ed il Coro di voci bianche ‘Giacomo Puccini’, diretti rispettivamente da Alessandra Pipitone e Claudio Corsaro e presieduti da Nuccio Anselmo. A dirigere l’Orchestra Filarmonica della Sicilia sarà il maestro Francesco Di Mauro. 

Le interviste


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04