Ultime Notizie

Palermo: quali sono le ambizioni della squadra nella prossima stagione?

I tifosi rosanero chiedono a gran voce un investimento importante da parte di quella società che controlla anche il Manchester City

Pubblicato 1 mese fa

L’adrenalina che possono vivere i tifosi, in alcuni contesti calcistici, è sicuramente unica nel mondo dello sport. Tantissimi incontri e numerosi competizioni prevedono dei cambiamenti improvvisi, dei colpi di scena e dei cosiddetti upset, ma le emozioni che vengono donati dal calcio sono assolutamente uniche: per offrire un parallelo, rispetto al grado di attenzione e di divertimento adrenalinico che questo mondo offre, potremmo quasi chiamare in causa i crash gambling: è un gioco molto amato, in cui bisogna sempre sapere quando fermarsi, al momento giusto, per portare a casa un risultato e non una sconfitta, seguendo quel simbolino che va verso l’alto e che potrebbe trasformare la propria puntata in un grande moltiplicatore o crollare all’improvviso, per cui sarà necessario avere grande prontezza di riflessi.. Tantissime persone li amano, proprio come avviene nel calcio, proprio perché un risultato può cambiare da un momento all’altro e in virtù di quella costante labilità che rende il calcio spettacolare.

A proposito di emozioni spettacolari, i posti del Palermo le hanno trovate negli ultimi anni, con la risalita della formazione rosanero che sogna sempre più la Serie A, un campionato dove, per anni, ha fatto valere il suo grandissimo talento e l’abilità di calciatori che sono, poi, approdati verso palcoscenici nazionali e internazionali di grande valore. Ma quali e quante sono le speranze del Palermo di giungere in Serie A la prossima stagione?

Il risultato della scorsa stagione del Palermo

A seguito di un campionato piuttosto stentato, in alcune uscite, per il Palermo, la formazione rosanero è riuscita ad arrivare ai play-off, dove il suo cammino si è concluso anzitempo con la sconfitta in semifinale contro il Venezia. Considerando che la formazione vincitrice della gara è riuscita, poi, a centrare anche il passaggio in Serie A, è chiaro che il Palermo aveva ben poche chances di fare meglio di quanto è riuscito ad offrire, considerando anche che, nell’ambito delle semifinali, la formazione rosanero è riuscita a battersi fino alla fine, segnato anche un goal in trasferta contro il Venezia con l’autogol di Svoboda.

Fin da quando c’è stato il cambio dell’allenatore, con Corini esonerato, infatti, per il Palermo iniziato un percorso particolare, non sempre positivo ma, allo stesso tempo, solito per la squadra che è riuscita a centrare il suo traguardo dei play-off, raggiungendo il sesto posto in campionato e superando il primo turno contro la Sampdoria, battuta in casa con il risultato di 2-0 nonostante non partisse esattamente con i favori della cronaca.

Le speranze del Palermo nella prossima stagione

Nel definire quali sono le speranze del Palermo nella prossima stagione bisogna partire, inevitabilmente, da un punto fondamentale: i tifosi rosanero iniziano a chiedere a gran voce un investimento importante da parte di quella società che controlla, nell’ambito del suo mercato azionario, anche il Manchester City e che, dunque, ha le potenzialità per offrire, alla piazza, un salto di qualità. Naturalmente, non sempre il binomio tra denaro posseduto da un presidente e grandi investimenti in termini di organico è possibile e, per il Palermo, c’è da fare i conti con un campionato tutt’altro che semplice.

Il nodo più importante da risolvere sarà quello relativo all’attaccante Mattia Brunori, il vero e proprio protagonista delle ultime annate del Palermo; il centravanti sembra aver pagato lo scotto per la sconfitta contro il Venezia e sembra volere un salto di qualità definitivo verso la Serie A. Nel caso in cui ciò dovesse effettivamente avvenire, il Palermo avrà bisogno di trovare un sostituto per il suo attaccante, considerato anche l’investimento in termini di dirigenza che ha portato l’ex Salernitana, Morgan De Sanctis, a guidare la formazione. Il primo indiziato per succedere a Brunori, in caso di partenza, è un vero e proprio veterano della Serie B, che ha fatto bene in qualsiasi formazione abbia giocato: Coda, giocatore che ormai sembra essersi definitivamente adattato all’ambiente della seconda competizione calcistica del campionato italiano.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *