Il cinghiale della Valle dei Templi, Mareamico: “si pensi a realizzare area delimitata e custodita” (vd)

Redazione

Agrigento

Il cinghiale della Valle dei Templi, Mareamico: “si pensi a realizzare area delimitata e custodita” (vd)

di Redazione
Pubblicato il Dic 18, 2018
Il cinghiale della Valle dei Templi, Mareamico: “si pensi a realizzare area delimitata e custodita” (vd)

Sembrava una leggenda metropolitana invece adesso abbiamo la prova: negli scorsi giorni è stato girato un video che immortala un cinghiale in pieno Parco Archeologico alla Valle dei Templi di Agrigento, a pochi metri dal posteggio del tempio di Giunone.
Le segnalazioni erano diverse ed in più zone. Dei turisti del nord Italia ad inizio di Dicembre avevano chiamato la polizia raccontando di aver avvistato un cinghiale e di essersi arrampicati su un albero per mettersi in salvo. Ma è da almeno due anni che si vocifera di avventori ed agrigentini che incontrano i cinghiali tra le colonne doriche.
“È giusto ricordare, commenta Claudio Lombardo dell’associazione MareAmico,  che nonostante la simpatia che possano riscuotere, si tratta di animali che possono anche diventare aggressivi e quindi pericolosi per i visitatori.  Sarebbe opportuno che la ripartizione faunistico venatoria, di concerto con l’ente parco, realizzi un piano per l’accertamento e il censimento del numero di cinghiali presenti in zona ed realizzi un progetto per isolarli in un’area ben delimitata e custodita”.

CINGHIALI NELLA VALLE DEI TEMPLI

Sembrava una leggenda metropolitana invece adesso abbiamo la prova: negli scorsi giorni è stato girato un video che immortala un cinghiale in pieno Parco Archeologico alla Valle dei Templi di Agrigento, a pochi metri dal posteggio del tempio di Giunone. Le segnalazioni erano diverse ed in più zone. Dei turisti del nord Italia ad inizio di Dicembre avevano chiamato la polizia raccontando di aver avvistato un cinghiale e di essersi arrampicati su un albero per mettersi in salvo. Ma è da almeno due anni che si vocifera di avventori ed agrigentini che incontrano i cinghiali tra le colonne doriche. È giusto ricordare che nonostante la simpatia che possano riscuotere, si tratta di animali che possono anche diventare aggressivi e quindi pericolosi per i visitatori. Sarebbe opportuno che la ripartizione faunistico venatoria, di concerto con l'ente parco, realizzi un piano per l'accertamento e il censimento del numero di cinghiali presenti in zona ed realizzi un progetto per isolarli in un'area ben delimitata e custodita.

Publiée par Mareamico Delegazione Di Agrigento sur Mardi 18 décembre 2018


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04