Apertura

Agrigento, perde bimba al nono mese di gravidanza: indagata la ginecologa 

La vicenda nasce dalla denuncia presentata dal compagno, un trentaduenne, che ha chiesto di fare luce sull’operato dei medici

Pubblicato 7 mesi fa

Lesioni e interruzione colposa di gravidanza. Sono queste le ipotesi di reato contestate dalla procura di Agrigento ad una ginecologa in servizio all’ospedale San Giovanni di Dio. Il medico è stato iscritto nel registro degli indagati, un atto dovuto per permettere di difendersi e partecipare agli esami irripetibili, nell’ambito dell’inchiesta su quanto avvenuto martedì scorso quando una ventiduenne di Casteltermini ha partorito una bimba morta.

La vicenda nasce dalla denuncia presentata dal compagno, un trentaduenne, che ha chiesto di fare luce sull’operato dei medici.

L’uomo, assistito dall’avvocato Alfonso Neri, ha raccontato che la moglie – dopo aver accusato forti dolori e contrazioni -sarebbe stata lasciata in sala d’attesa del reparto per oltre due ore. Il sostituto procuratore Maria Barbara Grazia Cifalinò ha disposto l’autopsia, primo passo per accertare i fatti. L’esame autoptico sarà effettuato dal medico legale Giuseppe Ragazzi a cui sarà conferito l’incarico nella giornata di lunedì. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *