La comunità favarese ricorda Gessica Lattuca, la mamma Giuseppina: “ridatemi mia figlia viva o morta” (vd)

Irene Milisenda

Apertura

La comunità favarese ricorda Gessica Lattuca, la mamma Giuseppina: “ridatemi mia figlia viva o morta” (vd)

Pubblicato il Ago 12, 2019
La comunità favarese ricorda Gessica Lattuca, la mamma Giuseppina: “ridatemi mia figlia viva o morta” (vd)

Ad un anno dalla scomparsa di Gessica Lattuca, la giovane mamma di Favara, la comunità intera si stringe al dolore della famiglia, della mamma Giuseppina che ha tanta fame di giustizia.

Ringrazio tutta la comunità per la vicinanza che mi hanno dato sin da subito. Dopo un anno non so che fine abbia fatto mia figlia, il sospetto è che sia stata uccisa, ma spero che venga ritrovata. Non ho nemmeno una tomba dove piangerla e i bimbi continuano a chiedere di Gessica, della loro mamma”, cosi Giuseppina Carammano, mamma di Gessica Lattuca, con le lacrime agli occhi e tanta rabbia nel cuore.

Questo pomeriggio presso la Chiesa SS. Pietro e Paolo, Don Marco Domanti ha voluta dedicare una messa di preghiera per ricordare Gessica, ma non solo per continuare a chiedere giustizia, e scuotere le coscienze di chi sa ma che ancora, dopo un anno, non ha avuto il coraggio di parlare. Presenti i familiari di Gessica, i figli di Gessica, il compagno Filippo Russotto, il fratello Enzo, le autorità civili e militari, e buona parte della comunità favarese, che ancora una volta si è mostrata solidale alla famiglia.

“Non vogliamo che quello di Gessica rimanga un caso irrisolto, ma speriamo nel suo ritorno a casa così da poter finalmente riabbracciare i suoi bambini e i suoi affetti più cari. La città di Favara e tutti i favaresi non dimenticano Gessica, ha dichiarato la sindaca Anna Alba,  e preghiamo insieme affinché ritorni sana e salva”. 

Le indagini da parte degli inquirenti e dei Carabinieri non si sono mai fermate, al momento il compagno Filippo Russotto risulta essere l’unico indagato, e il padre rassegnato alla scomparsa della figlia, dichiara: «Io sospetto di due-tre persone. Per me ci sono tre piste. Io come papà ho perso le speranze, per me non torna più. Io so che è morta».


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04