Connect with us
Canicattì

Ospedale di Canicattì, impiantato per la prima volta defibrillatore cardiaco sottocutaneo ad un giovanissimo paziente

Il delicato intervento è stato effettuato dal dottor Luciano Sutera Sardo, direttore dell’Unità operativa complessa di Cardiologia-UTIC di Canicattì

Pubblicato 5 giorni fa

E’ in assoluto la prima volta che all’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì, presso la sala interventistica del reparto di Cardiologia-UTIC, viene portato a termine un delicato intervento di impianto di un defibrillatore sottocutaneo. A beneficiare del dispositivo “salva vita” di ultima generazione è stato un giovanissimo paziente di soli diciannove anni affetto da una grave patologia cardiaca i cui rischi letali, proprio grazie all’impianto, sono adesso significativamente ridotti.  Il defibrillatore sottocutaneo è efficace nel contrastare la fibrillazione ventricolare, ovvero quell’aritmia maligna che può condurre alla morte improvvisa, soprattutto nei pazienti affetti da cardiomiopatia dilatativa, monitorando e registrando le aritmie e intervenendo qualora queste siano potenzialmente fatali. Il delicato intervento è stato effettuato dal dottor Luciano Sutera Sardo, direttore dell’Unità operativa complessa di Cardiologia-UTIC di Canicattì, coadiuvato dal cardiologo Carmelo Castellana e con l’assistenza di uno staff tecnico di validi infermieri ed ingegneri biomedici.

      “Questo tipo d’intervento, essendo per l’appunto sotto-cutaneo, – ha commentato il dottor Sutera Sardo – è poco invasivo rispetto a quelli tradizionali, lasciando praticamente intatto il cuore e liberi i vasi sanguigni, con la conseguenza che sono del tutto escluse le complicanze tradizionali quali le possibili infezioni sistemiche. Il dispositivo è stato fornito all’ospedale di Canicattì in tempi rapidissimi, subito dopo l’avvenuta richiesta, grazie alla solerzia della Direzione strategica dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

06:43
23:30 - Belìce, “terra di mezzo” tra Agrigento e Trapani, dove MDM stava al sicuro +++19:53 - Messina Denaro e le sue identità, trovati documenti intestati ad altri +++16:53 - Bruciato vivo mentre dormiva sotto portico, nessun risarcimento alle figlie +++16:50 - Sicilia, Michele Cimino nuovo commissario dei consorzi Asi +++15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplosione e incendio in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++
23:30 - Belìce, “terra di mezzo” tra Agrigento e Trapani, dove MDM stava al sicuro +++19:53 - Messina Denaro e le sue identità, trovati documenti intestati ad altri +++16:53 - Bruciato vivo mentre dormiva sotto portico, nessun risarcimento alle figlie +++16:50 - Sicilia, Michele Cimino nuovo commissario dei consorzi Asi +++15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplosione e incendio in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++