Cultura

“Il Mosaico della Gazzella” esposto al Museo Griffo oggi al Liceo Artistico Nervi-Severini di Ravenna

Il progetto verrà presentato dalla dott.ssa Marilanda Rizzo Pinna, restauratrice del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento

Pubblicato 5 mesi fa

Nell’ambito delle iniziative di valorizzazione, tutela e fruizione patrocinate dal Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, si inserisce il progetto didattico della realizzazione di una copia di dell’Emblema della Gazzella, una delle domus più prestigiose del Quartiere Ellenistico Romano, che ha visto di recente concluso il restauro del pavimento musivo con l’attività del cantiere aperto. L’originale, oggi esposto al Museo Archeologico Regionale “Pietro Griffo” e musealizzato subito dopo il suo ritrovamento – commenta il Direttore Roberto Sciarratta – aveva necessità di essere ammirato nella sua collocazione originale, così è nata la convenzione stipulata con il Liceo Artistico Nervi- Severini di Ravenna che si sta occupando di effettuare il raffinato quadretto con tecniche antiche. Continua il Direttore, la pedagogia del patrimonio rientra tra gli obiettivi istituzionali del Parco della Valle dei Templi, accanto alle altre istituzioni educative nella promozione della crescita umana e culturale dell’individuo. 

Oggi il progetto “Il Mosaico della Gazzella” sarà presentato dalla dott.ssa Marilanda Rizzo Pinna, restauratrice del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, alla Sede Severini del Liceo Artistico di Ravenna, nell’ambito della Biennale di Mosaico 2023, un lavoro multidisciplinare con Borsa di Studio finanziata da Parco, che coinvolge l’Indirizzo di Arti Figurative Mosaico e l’Indirizzo Multimediale del Liceo. Il progetto si concluderà con il posizionamento in situ da parte studenti coinvolti, in gita d’istruzione ad Agrigento e l’organizzazione di un evento culturale al Quartiere ellenistico- romano nell’aprile 2024. La tutor scolastica Prof. Elena Pagani, commenta, l’opportunità di confrontarsi con la complessa realtà di una Istituzione di tal portata è apparsa fin da subito altamente stimolante sia per gli insegnanti sia per gli allievi del Severini, e anche l’occasione di rivivere la grandezza del Corso di Restauro dell’Istituto d’Arte presente nella scuola dal 1984 al 1999.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *