Favara

Personale Ata, il Ministero non riconosce il giusto punteggio per il servizio militare: accolti ricorsi

In merito all’annosa questione del riconoscimento del punteggio aggiuntivo per il servizio di leva prestato dal personale ATA

Pubblicato 2 settimane fa

Altri tre tribunali italiani hanno accolto i ricorsi presentati dallo studio legale Limblici-Palumbo in merito all’annosa questione del riconoscimento del punteggio aggiuntivo per il servizio di leva prestato dal personale ATA.

In particolare, la questione, lungamente dibattuta, è quella della distinzione applicata dal Ministero tra il punteggio spettante per il servizio militare svolto non in costanza di nomina, cioè quando non si è dipendenti del Ministero dell’istruzione e del merito, e quello in costanza di nomina. La distinzione applicata dal Ministero dell’istruzione, infatti, è risultata essere illegittima e priva di qualsivoglia riferimento normativo che la giustifichi. Questo è stato chiarito in maniera univoca già un anno fa dal Consiglio di Stato in una importante sentenza pronunciata proprio in favore di alcuni lavoratori Ata assistiti dallo Studio Limblici Palumbo.

“Si tratta di un aspetto tutt’altro che secondario – spiegano gli avvocati Giuseppe Limblici e Francesca Palumbo – se consideriamo che il punteggio riconosciuto a chi ha svolto il militare prima di essere inserito in graduatoria è pari a punti 0.6 per anno, vale a dire un decimo rispetto ai 6 punti per anno riconosciuti a chi ha svolto il servizio in costanza di nomina. Nonostante le sentenze emesse da vari tribunali d’Italia ed anche da qualche Corte di Appello, il MIM continua ad applicare questa distinzione arbitraria tra le due categorie, sottraendo punti preziosi a lavoratori. Quasi certamente, la discriminazione sarà ripetuta anche nelle graduatorie che saranno aggiornate per il prossimo triennio 2024-2027 e a questi lavoratori non resta altro da fare che proporre ricorso contro il Decreto Ministeriale per avere la giusta valutazione e poter aumentare il proprio punteggio nelle graduatorie ATA”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *