Boss e nipote presi con un mini-arsenale: Tribunale acquisisce video dei carabinieri

Redazione

Agrigento

Boss e nipote presi con un mini-arsenale: Tribunale acquisisce video dei carabinieri

di Redazione
Pubblicato il Dic 2, 2019
Boss e nipote presi con un mini-arsenale: Tribunale acquisisce video dei carabinieri

E’ ripreso questa mattina, nonostante lo sciopero in atto degli avvocati a cui ha aderito anche la camera penale di Agrigento, il processo a carico di Antonio Massimino, 51enne considerato al vertice della famiglia mafiosa della Città dei Templi, e del nipote Gerlando, 26 anni, arrestati dai carabinieri della Compagnia di Agrigento lo scorso febbraio perché trovati in possesso di un mini-arsenale composto da una pistola calibro 7.65, munizioni di diverso calibro e due penne-pistola perfettamente funzionanti. 

Al centro dell’udienza l’importante riserva che i giudici della prima sezione penale erano chiamati a sciogliere in merito alla richiesta del pm Gloria Andreoli: la questione tutta in punta di diritto è legata all’ingresso (o meno) nel processo dei filmati dei carabinieri che riprendono i Massimino nel momento in cui maneggiano le armi e che, di fatto, stanno alla base dell’arresto. Secondo la difesa, rappresentata dall’avvocato Salvatore Pennica, il video non potrebbe essere usato nel corso del dibattimento perché proveniente da altra attività di indagine. L’accusa, invece, ne ha chiesto la produzione. 

I giudici della prima sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato con a latere i giudici Giuseppe Zampino e Alfonso Pinto, hanno accolto la richiesta del pm ammettendo la produzione del filmato. Il video potrà essere dunque utilizzato. Si torna in aula il 9 dicembre.



Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04