Giudiziaria

Corte dei Conti, assolto ex assessore regionale Maurizio Croce

Dall'accusa di presunto danno erariale per 462.175 euro connesso alla nomina del direttore generale dell'Arpa Sicilia

Pubblicato 12 mesi fa

 La Corte dei Conti assolve l’ex assessore regionale siciliano, Maurizio Croce, dall’accusa di presunto danno erariale per 462.175 euro (corrispondente alle retribuzioni del tecnico), connesso alla nomina di Francesco Vazzana come direttore generale dell’Arpa Sicilia. Il giudizio era stato promosso dalla Procura sulla base della sentenza con cui il Tribunale di Palermo aveva dichiarato illegittima la nomina del Vazzana, accogliendo il ricorso proposto da un partecipante alla procedura di selezione. Nello specifico, la Procura Contabile contestava la legittimità della nomina del Vazzana in ragione dell’asserita carenza da parte dello stesso del requisito esperienziale consistente nell’aver rivestito per almeno un quinquennio il ruolo di direttore tecnico o amministrativo di “enti o aziende pubbliche o private di dimensione economica e strutturale assimilabile a quella dell’ente interessato dello svolgimento dell’incarico”. Secondo il teorema accusatorio, Croce aveva voluto sostanzialmente indirizzare la nomina del Vazzana in ragione di un pregresso legame di amicizia. Il P.M. contabile aveva reputato “dannosa” per l’ente la nomina di un soggetto sprovvisto dei requisiti normativamente previsti per lo svolgimento dell’incarico. Croce, con gli avvocati Girolamo Rubino, Giuseppe Impiduglia e Ester Daina, ha contestato sotto più aspetti la citazione della Procura con apposita comparsa di risposta.

In particolar modo, gli avvocati Rubino, Impiduglia e Daina hanno evidenziato l’insussistenza dell’elemento psicologico della colpa grave, rilevando che l’applicazione del requisito esperienziale citato dalla Procura risultava quantomeno controversa con rifermento alla nomina del Direttore Generale dell’Arpa. Inoltre i difensori di Croce hanno evidenziato come la nomina del Vazzana non fosse stata condizionata da presunti legami amicali, ma dall’esperienza maturata dal manager nel delicato settore delle verifiche di impatto ambientale che aveva condotto l’assessore, sulla base di una scelta altamente discrezionale e di carattere fiduciario, a conferire l’incarico allo stesso Vazzana. I legali di Croce hanno inoltr precisato che le ragioni sottese alla nomina erano state puntualmente indicate nella parte motiva del decreto di conferimento dell’incarico in questione. La Corte dei Conti, condividendo le tesi difensive, ha assolto Croce dall’addebito mosso dalla Procura, rilevando l’insussistenza dell’elemento soggettivo della colpa grave e condannato l’arpa alla refusione delle spese legali. Lo stesso Giudice Contabile, inoltre, ha affermato il carattere fiduciario della nomina ed ha altresì ritenuto ampiamente e adeguatamente motivata la designazione del di Vazzana.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *